ROMA – “Nei giorni scorsi è stata depositata l’interrogazione parlamentare che riguarda il salvataggio dell’emittente èTV Marche e di coloro che vi lavorano, giornalisti e tecnici, che ho presentato come primo firmatario e che ho ritenuto opportuno far sottoscrivere anche ad altri deputati marchigiani On. Carrescia ed On. Manzi.

Ho raccolto l’interesse convinto ed il sostegno concreto all’iniziativa anche dell’On. Peluffo, Capogruppo Pd in Vigilanza RAI, esperto di emittenti locali, firmatario anch’egli dell’interrogazione.

I social network stanno facendo da cassa di risonanza di una vicenda che, oltre che riguardare il futuro lavorativo e personale dei dipendenti, rischia di impoverire il nostro territorio di una indispensabile fonte di informazione e di una voce critica ed equilibrata secondo il principio democratico della libertà e del pluralismo dell’informazione.

Dopo la dolorosa chiusura delle edizioni locali del quotidiano Il Messaggero, che ha lasciato senza lavoro alcuni giovani collaboratori, è nostro impegno preciso fare tutto quello è possibile per far sì che il pluralismo dell’informazione nelle Marche non venga limitato.

In questa battaglia ci è vicino anche la rappresentanza sindacali del Sigim, che sta seguendo la questione con particolare attenzione.



Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

X