“Lunedì pomeriggio interverrò in Aula alla Camera in discussione generale sul decreto terremoto”

MACERATA – Anche quest’anno è stato riproposta l’iniziativa della Giornata delle Marche, giunta ormai alla sua 12′ edizione. Gli sconvolgimenti ai quali il nostro territorio è andato incontro negli ultimi mesi con le due gravissime scosse del 24 agosto e del 30 ottobre alle quali sono seguite migliaia di altre scosse che ancora oggi minano la serenità dei cittadini dell’entroterra maceratese, fermano, piceno e di tutti noi, riempie questo evento di ulteriore significato.

Il tema scelta “Le Marche, i tanti volti della dignità”, sintetizza la capacità dei marchigiani di tirar fuori, anche nel dolore e nella devastazione, il carattere forte, quell’innato senso di ribellione al destino che ci fa rimboccare le maniche e ripartire. Come marchigiano e come rappresentante delle istituzioni, sento la responsabilità di garantire che tutto quello che deve essere fatto per assistere chi ha perso la casa o il lavoro, è stato stato fatto e continuerà ad essere fatto.

Nessuno si deve sentire abbandonato. Lunedì 12 dicembre interverrò nel pomeriggio in aula, alla Camera in discussione generale sul decreto terremoto e riaffermerò le ragioni di un territorio ferito ma che ha tanto voglia di tornare a prosperare.

La momentanea fase di incertezza politica dovuta al risultato del referendum non deve far temere che le promesse non vengano mantenute. L’approvazione in via definitiva della legge di bilancio nella quale ci sono provvedimenti molto importanti sul terremoto, sulla ricostruzione e sulla riqualificazione sono un chiaro segnale.

La prossima settima poi approveremo il Decreto Terremoto senza ulteriori passaggi parlamentari. Sottolineo in particolare che le risorse stanziate per finanziare la ricostruzione privata e pubblica nei territori del Centro Italia colpiti dagli eventi sismici ammontano a 4,5 miliardi. Ringrazio quindi il governatore Luca Ceriscioli per l’invito e per aver organizzato questa iniziativa ponendo l’attenzione su questi temi.

Solo restando insieme, solo restando uniti, potremo far sì che la ricostruzione delle Marche restino una priorità nell’agenda politica italiana.



Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

X