Sabato, Giugno 25, 2016

IL PROGRAMMA DI LUCA CERISCIOLI: "SINDACI E TERRITORI GARANTI DELLA SVOLTA NEL PROSSIMO GOVERNO DELLE MARCHE"

SINDACI E TERRITORI GARANTI DELLA SVOLTA NEL PROSSIMO GOVERNO DELLE MARCHE 

Per costruire il futuro delle Marche, su basi solide dobbiamo avere chiaro da dove partire e con chi intraprendere il viaggio. Il nostro progetto di governo percorre due direttrici principali: quella dei territori, dei sindaci e della loro preziosa esperienza amministrativa da mettere al servizio della nostra comunità regionale.

Parallelamente, quella del cambiamento profondo: nel modo di governare la regione, nella macchina istituzionale, nell’economia, nel welfare, nel modo di fare cultura, nel modo di pensare e progettare le nuove Marche.

AL CENTRO I SINDACI E I BISOGNI DEI TERRITORI

La Regione deve cambiare il modo di interpretare il proprio ruolo. I diversi governi regionali che si sono succeduti hanno mostrato scarso equilibrio nel rapporto con i vari territori delle Marche. Questo ha significato non solo un danno ai territori, ma un danno per le Marche nel loro insieme avendo rinunciato a risorse umane, ambientali, culturali e politico amministrative di grande valore.

Una vera e propria rivoluzione copernicana nel modo in cui si governa la nostra Regione. Saranno i territori, le loro esigenze, saranno i sindaci e gli amministratori che con la loro preziosa esperienza incideranno nelle scelte e nelle norme che verranno prodotte dalla macchina amministrativa.

CAMBIAMENTO

Il nostro compito oggi, è dare un futuro alle Marche. Il cambiamento forte impresso dal Governo Renzi sta iniziando a dare risultati importanti. Si intravedono infatti segni di ripresa nell’economia e nella fiducia di cittadini e imprese verso il futuro. Una svolta che deve essere rappresentata anche nelle Marche: un cambiamento forte e una mentalità nuova, un governo regionale che si connetta non al passato, ma agli scenari inediti di una regione da spingere fuori dalla crisi e dentro un nuovo modello di sviluppo.

Dopo gli anni delle incertezze, del piccolo cabotaggio, delle visioni campanilistiche, è ora che ritorni in primo piano la politica, una nuova politica, orientata a rispondere ai problemi e a ridisegnare un futuro migliore per i marchigiani.

E’ il momento di attuare una vera e propria svolta che senza cancellare le cose buone fatte e i risultati raggiunti in molti campi, segni una discontinuità e metta al centro le carenze, le inadeguatezze e i veri ritardi che la crisi ha evidenziato.

PARTECIPAZIONE, STRATEGIA E PIANIFICAZIONE PER UNA IDENTITA’ MARCHIGIANA 

Ancora oggi l'assioma di Marche regione plurale resta valido e negli anni si è apprezzata la ricchezza che le differenze hanno offerto nei diversi campi della cultura, dell'economia, dei servizi. Le parole d’ordine sono strategia e pianificazione. Non più interventi singoli e fini a se stessi ma l’ente regionale dovrà portare avanti un progetto, un’idea e mettere a sistema tutta la macchina regionale per realizzare quell’obiettivo. In particolare servono nelle soluzioni e strategie in alcuni campi di intervento della Regione (infrastrutture, servizi, sanità, cultura) che creino un’identità che non sia semplice sommatoria delle istanze dei singoli territori ma il frutto di un dibattito e di una visione unitaria e strategica dell’intero territorio. Una visione che guardi alle Marche nella loro interezza e nella proiezione europea, cogliendo nella scala regionale un campo di nuove opportunità.

I protagonisti saranno i territori. Le scelte non saranno più calate dall’alto o frutto di decisioni centralistiche, ma con il contributo di sindaci, associazioni e cittadini che saranno chiamati a partecipare e costruire insieme la dimensione regionale, cogliendo le migliori opportunità per ogni specificità. Gli esempi di occasioni perdute ci sono: l'integrazione dei servizi pubblici locali, la riforma socio-sanitaria, il coordinamento sul tema delle opere compensative alla terza corsia autostradale.

È tempo che le scelte che riguardano l'intera Regione nascano da una visione e da una progettazione realmente regionale. Non calata dall'alto, ma partecipata dalle istituzioni territoriali e dalle parti sociali. 

L’esperienza e la competenza di Luca Ceriscioli

per la guida della Regione Marche

Un Sindaco che ha ben amministrato

La candidatura a Presidente della Regione  di Luca Ceriscioli ha questo significato: mettere a disposizione per questo urgente cambiamento un'esperienza politica e amministrativa maturata dentro questi canoni. Dalla presidenza di una Circoscrizione, alla direzione dell'unione comunale del partito di Pesaro; dall’esperienza di assessore comunale, a quella di sindaco di Pesaro in dieci anni di cambiamenti e sviluppo della città nonostante le note difficoltà dei Comuni. E con un consenso popolare crescente che al termine dei dieci anni è risultato al massimo del periodo e ai vertici tra i sindaci italiani delle città capoluogo. Con competenze maturate nell’impegno amministrativo, nel confronto con leggi e finanziamenti regionali e con macchine organizzative complesse: un contributo determinante Ceriscioli e il Comune di Pesaro hanno dato alla formazione o alla modifica di tante leggi riguardanti in particolare l’urbanistica, l’ambiente, la casa, la cultura. E soprattutto nel costante rapporto con cittadini, donne, uomini, giovani,  disoccupati, anziani, con le famiglie, le difficoltà, le aspirazioni, la casa, gli affitti e gli sfratti, con le imprese, la crisi e le speranze.

SOBRIETA’ E TRASPARENZA

Questa esperienza, comune a tanti uomini e donne che amministrano i Comuni delle Marche, costituisce la risorsa più grande per dare nuova vita alla Regione.

Questo background è la base per produrre quella riforma della politica marchigiana e dell’istituzione regionale la cui urgenza costituisce percezione diffusa. A cominciare dalla sobrietà e rigore nello svolgimento delle funzioni politiche e per completare il percorso di eliminazione dei privilegi e dei costi dell’istituzione regionale per quanto riguarda gli eletti, escludendo inoltre l’accumulo di mandati  per qualunque incarico politico e amministrativo.

Come per un sindaco che deve rendicontare ogni suo impegno di spesa così il bilancio regionale sarà trasparente. Ogni euro speso verrà speso per il bene della comunità marchigiana. La trasparenza migliora anche l’accessibilità per cittadini e imprese alle opportunità che offre l’ente regionale, con il solo scopo di semplificare la vita e rendere facilmente interpretabili le leggi.

Un sindaco Presidente, modello mai sperimentato nelle Marche

Ora, la proposta di candidare alla Presidenza della Regione l’ex sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli come una delle massime espressioni delle esperienze di governo nei territori, significa non lo spostamento degli equilibri regionali verso una specifica provincia, ma cambiare l’ottica del governo regionale partendo dal punto di vista dei sindaci e dei territori. Significa portare nel cuore della Regione, al servizio di tutte le Marche, un patrimonio prezioso di esperienza amministrativa, per ridare alla Regione un futuro e il senso di una missione comune, l’energia per affrontare le sfide dei prossimi anni.

NEI PRIMI 300 GIORNI AFFRONTEREMO SUBITO LE QUESTIONI IMPORTANTI

Rinnovare una macchina amministrativa che procede per inerzia

In una mutata congiuntura storica e con una domanda di solidarietà crescente, è tempo per la Regione di andare subito incontro alle esigenze dei cittadini, dando precise priorità all’azione politica dei prossimi mesi di governo regionale a stretto contatto con i sindaci che vivono e amministrano i territori.

Per liberare risorse vanno subito riviste le spese di sovrastruttura e sottostruttura di una macchina amministrativa che procede per inerzia. Tutti i fondi dovranno essere utilizzati per fornire e migliorare i servizi ai marchigiani.

Casa, sostenere l’affitto e rilanciare l’edilizia popolare

Con la crisi economica è aumentato il disagio sociale, nelle città e nei paesi dell’entroterra, c'è un bisogno anche maggiore legato alla casa. Sempre più famiglie che non ce la fanno a pagare l'affitto, sempre più sfratti che mettono famiglie in mezzo a una strada, sempre più persone che hanno perso il lavoro e spesso anche l’abitazione.

La Regione deve subito incrementare i fondi per il sostegno all'affitto, incrementare il patrimonio di case popolari acquisendo sul mercato le case sfitte, finanziare progetti di social housing immediatamente cantierabili, investimenti che creano anche occupazione. Le risorse per questo piano di riduzione del disagio abitativo vanno reperite anche con la dismissione dell'ingente patrimonio ERAP.

Sanità, ripartire dai bisogni delle persone e dai servizi

Nella fruizione dei servizi sanitari per la tutela del bene primario della salute, si manifestano da troppo tempo disagi intollerabili: liste di attesa lunghissime per le prestazioni sanitarie specialistiche, insufficienza dei servizi che accompagnano i percorsi di cura, rischi di essere cittadini di serie A o di B in base alla provincia di appartenenza. Non basta tenere i conti a posto se poi si costringono i cittadini a spendere migliaia di euro per rivolgersi a strutture sanitarie private per esami che le liste d’attesa rendono impossibili nel sistema pubblico. Inoltre è aumenta esponenzialmente la mobilità passiva che fa crescere soltanto i costi di gestione.

Bisogna ridare centralità alle persone e ai servizi nella politica sanitaria, indirizzare gli investimenti verso la cura dei pazienti piuttosto che in direzione dell’amministrazione dei servizi. La Regione deve fare il massimo sforzo, anche con provvedimenti straordinari, per accorciare i tempi d'attesa, completare l'offerta dei servizi e distribuirla in modo ottimale sul territorio regionale.

Lavoro, contrastare la disoccupazione coniugando domanda e  offerta

La disoccupazione anche nella nostra regione ha raggiunto livelli allarmanti, soprattutto quella giovanile. Un disagio che coinvolge le famiglie e intere comunità. Lo spreco di energie giovani inutilizzate costituisce una ferita sul tessuto economico e morale.

La Regione deve investire tutte le risorse disponibili anche da fonti europee per accendere progetti di jobmatching volti a far incontrare l'offerta di lavoro che in alcuni settori è disponibile e la domanda di lavoro, soprattutto dei giovani. Si tratta di investire risorse, anche d'intesa con il sistema delle imprese che a ciò si è dichiarato disponibile, in una formazione precisamente orientata a questo concreto risultato.

Edilizia pubblica, sbloccare gli investimenti per le strutture ospedaliere

Uno dei settori dove si può cercare di riattivare processi di occupazione è quello dell'edilizia pubblica.

Bisogna riattivare l'edilizia sanitaria oggi quasi completamente bloccata. Per l'ospedale di Fermo, il Salesi, l'INRCA e Marche Nord, ci sono decine di milioni di euro di lavori fermi che se riattivati darebbero nell'immediato occupazione e respiro finanziario alle imprese e nel prossimo futuro strutture di eccellenza per la cura della salute dei marchigiani.

Economia rurale, incentivare le produzioni di qualità

C'è una economia rurale che, pur nelle difficoltà connesse alla crisi generale, nelle Marche più che altrove, sta sperimentando percorsi di ammodernamento interessantissimi, che alimentano nuove opportunità di sviluppo anche dell'occupazione. Si tratta dell'orientamento a produrre cibo di qualità, in primo luogo da colture biologiche, da commercializzare a chilometro zero, ma anche nei nuovi mercati nazionali e internazionali. Il marchio di qualità acquisito per un numero crescente di prodotti marchigiani è un fattore che evidenzia e aiuta questi percorsi. Altrettanto importante è l'abbinamento di questi processi di innovazione alla promozione di un turismo rurale che amplia e qualifica la nostra offerta turistica complessiva.

Occorre mettere insieme un pacchetto di risorse europee da investire immediatamente a sostegno di progetti spendibili in questo campo. 

UNA REGIONE DA RILANCIARE RIAPRENDO IL DIALOGO CON LA SOCIETÀ MARCHIGIANA

Dopo il superamento delle Province maggiore peso alle realtà locali evitando il centralismo regionale

L'abolizione delle Province è un processo che va governato e non subito perché apre un rischio enorme di ulteriore allontanamento dalle sedi decentrate di funzioni e competenze. Senza una lettura lucida di questo passaggio rischiamo una perdita di efficacia delle politiche regionali. La sanità, la programmazione del territorio, i trasporti, la formazione, la casa, il diritto allo studio, sono temi troppo importanti per essere esposti a tale pericolo. Quando si dà valore al territorio, ai Comuni, alle Unioni dei comuni, alle Unioni montane occorre essere conseguenti e collocare strutture e responsabilità in modo ottimale. Va accentrato il risparmio, lasciando vicino ai cittadini i centri decisionali e tutte le occasioni di partecipazione e confronto con i portatori di interessi. L'idea è che la Regione non costituisca un nuovo centralismo, ma faccia della presenza sul territorio un irrinunciabile punto di forza. Non serve un assessorato con la delega intitolata a questo o a quel territorio, ma occorrono deleghe ancorate ad obiettivi strategici e che raggiungano risultati che migliorino la vita dei cittadini e delle comunità. Non servono specchietti per le allodole che certamente regalano visibilità ma non politiche serie di sviluppo per l’intero territorio.

Le Marche sono una regione plurale e la Regione è una federazione di territori con specifiche vocazioni e risorse. In merito ai dipendenti provinciali la Regione avrebbe dovuto tempestivamente dare rassicurazioni e certezze progettando un piano di ricollocamento legato alla nuova distribuzione delle competenze utilizzando il tourn over dagli altri enti.

Favorire le Unioni e le fusioni dei Comuni

Decisivo a questo proposito sarà il processo di unificazione dei Comuni nella forma delle Unioni comunali o nella forma delle fusioni di Comuni. In diversi casi nelle Marche queste iniziative sono sorte dalla lungimirante consapevolezza di amministratori che hanno visto non solo l'esigenza di unificare servizi rendendoli meno costosi e più qualificati, ma soprattutto l'esigenza di mettere a disposizione dei propri cittadini una dimensione più adeguata per essere competitivi e avere peso nelle politiche regionali e nazionali. Ora la Regione ha di fronte un'opportunità straordinaria per misurarsi con queste scelte e per alimentare la loro diffusione su tutto il territorio regionale. Ciò significa investirci risorse finanziarie e spinta politica con la consapevolezza che questo è un suo obiettivo di riqualificazione: organizzare al meglio la rete dei soggetti territoriali primari con i quali interloquire per la sua efficace funzione di programmazione.

Dal patto verticale di stabilità al fare sistema tra Comuni e Regione

Una fra le esperienze più positive e paradigmatiche di un possibile e positivo rapporto fra Regione e Comuni marchigiani è stata quella del patto verticale di stabilità che ha liberato ingenti risorse a favore di imprese e investimenti, ha salvato gli enti da pesanti penalità e soprattutto ha creato una modalità di confronto e condivisione fra Regione e Comuni, applicabile su un’ampia scala di attività con notevoli benefici per i marchigiani. Rafforzare la sinergia, il fare sistema, è l'esatto contrario del così detto “scaricabarile”: pratica inutile e odiosa per i cittadini che al contrario amano vedere gli enti collaborare. Sta a noi ampliare e rafforzare l'immagine di enti che collaborando risolvono problemi, con efficacia e concretezza.

Meno burocrazia, meno carta, meno gestione, più programmazione

Una sfida strategica per il futuro non solo delle Marche ma dell’Italia, è la lotta alla burocrazia, alle procedure farraginose e inutilmente costose, un tema legato alla trasparenza. Una semplificazione normativa ampia, ben calibrata sulle priorità del sistema, equivale a immettere enormi risorse economiche, a rafforzare la competitività territoriale del sistema. Una sorta di infrastruttura giuridica snella e chiara al servizio di imprese e cittadini. Talvolta è sufficiente ricercare le migliori pratiche e prenderle a modello. Il compito legislativo è alto e complesso, soprattutto se si traduce in efficacia e semplicità. Crediamo che la tentazione più rischiosa per l'ente regione sia farsi catturare dal fascino del gestire, in luogo del normare, finanziare leggi, e programmare. A ognuno il proprio compito, le proprie responsabilità: altrimenti la fine delle Provincie potrebbe tradursi in una pratica pericolosa di aumento di ruolo gestionale della Regione, di accentramento, di mancata buona normazione.

Rilanciare le Marche in Italia e in Europa

Marche unite con la riforma di accorpamento delle Regioni

Dal punto di vista geografico o del peso demografico, le Marche sono oggettivamente una regione marginale in Europa. Ed anche in Italia rischiamo di essere periferici con poco peso sulle scelte nazionali. Il futuro delle Marche va considerato in proiezione di macroregioni in forte collaborazione con le Regioni del Centro Italia, a partire dall’Umbria, dall’Abruzzo e dall’Emilia Romagna. Servono, dunque, regioni più grandi e competitive. Sì all’accorpamento e alla riduzione del numero delle Regioni a condizione che le Marche restino unite preservando la propria integrità territoriale, e affinità sociali, culturali e storiche.

Una collocazione strategica nella macroregione Adriatico – Ionica

E' nel contesto dell'Unione europea che le Marche devono costruire una loro centralità. Perché abbiamo una collocazione strategica rispetto alla nuova Europa dei Balcani e verso quel Mediterraneo orientale sul quale si gioca molto della sicurezza e del dialogo internazionale dell'Ue. L'Iniziativa Adriatico Ionica (IAI) del governo italiano per la quale è stata stabilita la sede del Segretariato in Ancona, l'avvio della Macroregione Adriatico Ionica per la cui nascita la Regione Marche ha avuto un ruolo importante e alla quale è stato assegnato un ruolo guida, sono eventi che mostrano la concretezza di un disegno che punti a fare della Marche una Regione strategica d'Europa.

Occorre dunque tenere bene il punto per non farci sopraffare da altre grandi regioni o addirittura da altri Stati. Questa partita europea, infatti, è cruciale per una Regione che sappia render protagonisti enti locali e forze sociali. E’ una grande opportunità di crescere anche culturalmente nella dimensione europea. Un’opportunità 

CAMBIAMENTO, LE PRINCIPALI

LEVE DA ATTIVARE

LE MARCHE DEL LAVORO E DEL RILANCIO ECONOMICO

Riposizioniamo il modello marchigiano a un livello più alto di competitività

Il lavoro e l'occupazione, saranno le priorità da perseguire. La disoccupazione nella nostra regione ha toccato livelli troppo elevati, soprattutto quella giovanile. Occorre agire puntando sugli investimenti pubblici, sul rilancio della cultura e del turismo, sui nuovi strumenti finanziari mirati all''innovazione dei nostri settori produttivi, sull' l'internazionalizzazione delle imprese, la green economy, la  pianificazione nell'utilizzo di fondi europei, la riconversione dei siti produttivi dismessi. Dobbiamo riposizionare  il modello marchigiano a un livello più alto di competitività. 

Siamo ormai nel sesto anno di una crisi economica e occupazionale generalizzata, inedita per il nostro territorio. Le ricette fin qui sviluppate, con i ferrei vincoli europei,  basate su tagli lineari della spesa pubblica ( tagli lineari  che penalizzano  la spesa produttiva più che gli sprechi, di solito nascosti ) hanno ridotto lo stato sociale, colpendo l’istruzione, la sanità, le pensioni, il reddito delle famiglie.  Occorre ripensare a politiche che consentano ingenti investimenti a partire da quelli pubblici, storicamente volano delle riprese economiche del nostro paese, che possono “trascinare” gli investimenti privati che da soli, nelle attuali condizioni economiche delle aziende e dell’accesso al credito, non riuscirebbero a ripartire.

Nuova occupazione dalla green economy, il turismo, la cultura, i servizi

Nella nostra regione, una delle più manifatturiere e artigiane d’Europa, la situazione di difficoltà ha accentuato un fenomeno già in atto relativo al riequilibrio tra occupazione manifatturiera (in percentuale tra le più alte in Italia) e occupazione nei servizi e nel terziario tradizionale e avanzato ancora indietro rispetto ad altre regioni. Questo non significa, come molti sostengono, che il manifatturiero perderà importanza nel nostro sistema economico. Continuerà invece a essere uno dei settori fondamentali dell’economia regionale. Per questo, lo sforzo di un’amministrazione regionale deve concentrarsi anche sul sostegno del manifatturiero con l’obiettivo  di accrescerne la competitività attraverso interventi sulla qualità, sulla ricerca e sull’innovazione. In questo senso vanno ripensate le strategie di sbocco di un “nuovo” modello marchigiano che altrimenti rischia di essere messo ai margini delle grandi direttrici di sviluppo economico nazionale ed europeo.  Insieme al forte sostegno dei settori manifatturieri occorrono  azioni di sostegno per far crescere  gli altri settori potenzialmente molto importanti, in grado di contribuire a un nuovo sviluppo, alla creazione di nuova e più qualificata occupazione e in definitiva a un riposizionamento del modello marchigiano a un livello più alto di competitività. Settori i legati alla Green economy  (ambiente, risparmio energetico e fonti alternative, ciclo completo dei rifiuti, ciclo delle acque) al turismo inteso come sviluppo di tutte le sue forme (balneare, culturale, ambientale, storico, religioso, dei prodotti tipici e tradizionali), al settore della cultura e dei  servizi.

Azioni di sostegno per i disoccupati e politiche attive per rilanciare il lavoro

Per ottenere obiettivi di rilancio e sviluppo, dobbiamo superare la crisi  che ha determinato il forte incremento della disoccupazione arrivata all’11,1 (era il 4,7 nel 2008), in particolare  giovanile  (era  il 25,2 a fronte del 10,2 del 2008). 

La disoccupazione marchigiana è composta  da due fenomeni  che necessitano  misure specifiche.

 Da una parte emerge con forza la disoccupazione giovanile con la ridotta capacità del nostro sistema economico di assorbire i giovani che escono dal sistema dell’istruzione e della formazione.

Dall’altra esiste un fenomeno non meno preoccupante che riguarda i lavoratori over 45 che vengono espulsi dal mercato del lavoro: lavoratori che spesso hanno bassa istruzione e scarse qualifiche e che risultano essere i soggetti più difficili da reinserire nel mondo del lavoro. 

Rafforzare la collaborazione con le istituzioni, le categorie, il mondo del lavoro

Il problema occupazionale non si risolve modificando ogni sei mesi le regole del mercato del lavoro generando confusione, aumentando la burocrazia, inceppando anche quello che funziona.

 Se le regole possono accompagnare  lo sviluppo  non sono determinanti per generarlo. E' dunque necessario rafforzare la collaborazione con le altre istituzioni territoriali, con le associazioni  economiche e le organizzazioni sindacali per programmare gli interventi.

Purtroppo non siamo ancora fuori dalla crisi anche se  vari indicatori mostrano un miglioramento. Occorre quindi prevedere un’azione di politica economica del lavoro su due direttrici fondamentali:

- da una parte mettendo in campo  le misure di contrasto della crisi: gestione delle numerose vertenze aziendali,  gestione degli ammortizzatori sociali in deroga,  interventi sui Contratti di solidarietà,  contributi alle famiglie più disagiate, esenzione dei ticket, interventi sui precari, sostegno degli studi per ragazzi con famiglie in difficoltà,  sostegno anche economico per gli over 45enni espulsi dal mercato del lavoro,  aiuti sugli affitti.. Misure che  riducono l’impatto negativo della crisi sulle famiglie marchigiane. Azioni “difensive” ma necessarie così come è altrettanto indispensabile che  tali misure siano affiancate da azioni di politiche attive del lavoro;

-      dall’altra è necessario implementare programmi e interventi di politica attiva del lavoro, di sostegno allo sviluppo delle imprese: quella dedicata alla formazione con occupazione garantita, gli  strumenti integrati di sostegno per l’autoimprenditorialità come il Prestito d’onore regionale che ha consentito l’avvio di 1500 nuove imprese, i programmi per la formazione di figure qualificate nei settori (già citati) su cui incentrare le nuove vie di sviluppo, gli incentivi all’assunzione e alle stabilizzazioni costruiti con percorsi legati alla formazione fondata sulle reali esigenze del mondo produttivo (gli incentivi fine a se stessi offrono scarsi risultati), le borse lavoro, i dottorati di ricerca svolti in azienda. E’ per questo indispensabile che il sistema dell’istruzione e della formazione sia sempre più connesso e integrati alle esigenze dei settori su cui s’incentra il “riposizionamento” del modello marchigiano  privilegiando quelle azioni formative più legate allo sviluppo dei settori strategici e allo sbocco lavorativo concreto. Va eliminata la programmazione di formazione fine a se stessa, spesso improduttiva e slegata alle esigenze reali del mondo del lavoro.

Garantire più credito alle piccole e medie imprese e ai progetti innovativi

Non vanno neppure trascurate azioni di sistema che possono creare situazioni di vantaggio competitivo, non appena ci sarà una vera ripresa economica: interventi per favorire la Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e  per implementare la Responsabilità sociale dell’impresa, che dopo aver compiuto una forte sperimentazione che ci mette all’avanguardia a livello nazionale non ha avuto seguito.

Anche nel sostegno alle attività produttive vanno rafforzati gli strumenti per garantire il credito alle Pmi: fondi di garanzia legati a progetti innovativi e tecnologicamente avanzati,  misure per sostenere le aziende che investono in ricerca, sviluppo della qualità e innovazione, sostegno agli Accordi di programma,  investimenti per l’internazionalizzazione del nostro sistema produttivo, implementazione di Progetti di riconversione di siti produttivi dismessi.

Al centro del nostro programma c'è dunque una politica regionale che da un lato lavora per contrastare i disagi e le difficoltà ma dall’altra pone le condizioni per agganciare l’agognata ripresa e per competere in un sistema fortemente concorrenziale.

 Le Marche del turismo 

Sostenere l’innovazione e l’aggregazione, creare nuove professionalità

Il turismo deve rappresentare uno degli asset principali per il traino economico della Regione Marche. Le politiche regionali di sostegno al turismo vanno abbinate a quelle della cultura. Il binomio risulterà sicuramente vincente, se riuscirà a creare un vero sistema Marche integrato con le politiche di valorizzazione del territorio, dell’ambiente e delle sue eccellenze di prodotto. Il tutto  abbinato a servizi offerti al cittadino/utente all’interno di una strategia di pianificazione di lungo corso che vede tutto il sistema Marche concentrare risorse adeguate per lo sviluppo del turismo (partendo dalle infrastrutture, alla riqualificazione delle strutture turistiche, al miglioramento la capacità attrattiva e di promozione del territorio.

La nuova amministrazione si pone come obiettivo politico la realizzazione di Piani di sviluppo turistico regionale, coesi e coerenti, capaci di integrare i diversi interessi come la risultante di un'attività sistemica che sintetizzerà tutte le componenti territoriali.

Ma non solo: un comparto economico così importante necessita di risorse economiche adeguate.

Concentrare e integrare le azioni promozionali

Nuove azioni sono necessarie per garantire l’imprescindibile ruolo dell’ente Regione di comunicazione e promozione del territorio, da un lato, mediante i tradizionali canali di comunicazione, il web e le nuove pratiche “social”; dall’altro garantendo una costante attività di promozione dei cluster, rivolta prevalentemente a quei mercati che rappresentano il nostro target di riferimento principale.

La Regione Marche registra ancora una presenza di turismo estero di poco superiore al 15%. Oltre, dunque, a presidiare i bacini potenziali nazionali di turisti, si dovranno potenziare gli investimenti nei mercati esteri dove la nostra offerta può risultare ancora vincente, a partire dal Nord Europa, allargando il raggio di azione ai mercati dell’est europeo e del Nord America e programmando in sinergia con il livello nazionale gli interventi nei cosiddetti mercati lontani ed emergenti (Cina, Brasile).

Accrescere le presenze estere è un grande volano anche per una destagionalizzazione dei flussi turistici, che dovrebbe essere favorita da una politica di incentivazione di grandi eventi di accoglienza sul territorio.

La centralità dell’aeroporto e delle reti infrastrutturali per facilitare i flussi in entrata

Ragionare sulle strategie di promozione in Italia e all’estero, ci impone un’attenta riflessione sui collegamenti infrastrutturali: un’efficace rete di collegamento infrastrutturale, viaria, ferroviaria, aerea e portuale, garantisce al turismo la possibilità di agevolare i flussi in entrata. Una riflessione particolare va fatta inevitabilmente per l’aeroporto regionale Raffaello Sanzio: lo scalo regionale deve diventare una porta di ingresso e un facilitatore di accesso alla nostra Regione, attraverso una politica di programmazione che riesca a garantire collegamenti certi con i mercati di incoming turistico.

Una regia unica rivolta al dialogo e alle relazioni tra i gli attori del sistema turistico

Ma per assicurare un rilancio del settore, proponiamo l’elaborazione con il concorso di tutte le rappresentanze del territorio, di un Piano straordinario di investimenti che faccia riferimento a tre specifiche azioni:

-       Riqualificazione delle strutture turistiche regionali. Dobbiamo riuscire a favorire un’opera di affiancamento al processo di ammodernamento delle strutture alberghiere e dei servizi anche con l’intervento del sistema bancario locale e quello straordinario della Banca europea degli investimenti. E’ questo un settore strategico e si deve insistere per sostenere gli investimenti degli imprenditori privati.

-       Formazione del personale che opera nel settore. Un’azione necessaria per dotare strutture e  servizi di accoglienza di personale giovane e qualificato, capace di corrispondere alle esigenze di una domanda turistica internazionale e di livello elevato. In questo contesto, va creata una rete per la vendita del prodotto Marche organizzando educational tour interni per la vendita di pacchetti diversificati senza confini amministrativi.

-       Destination management organization. Dobbiamo avviare un nuovo modello organizzativo che renda protagoniste le forze migliori del territorio, in modo associato, per rendere sempre più competitiva l’offerta turistica. Le Marche sono, infatti, costituite da territori che, pur se dotati di rilevanti fattori di attrazione, non sono in grado di reggere la competizione. Questo elemento di criticità dipende, in larga parte, dalla scarsa capacità di integrarli e di dar vita a comportamenti più collaborativi e manageriali.

Alla realizzazione dei DMO chiameremo soggetti pubblici e privati del territorio, favorendo anche forme innovative di associazionismo, con un’azione di serio coinvolgimento degli attori locali.          

Sul  rinnovo delle concessioni una proroga di lunga durata

            Sulla direttiva Bolkestein, la Regione Marche conferma il sostegno al Governo per una linea comune in Europa sulle problematiche relative alla disciplina del demanio marittimo con particolare riferimento alla normativa comunitaria in materia di concessioni.

Un percorso che individua un doppio regime per il rilascio e rinnovo delle concessioni balneari: il primo transitorio e “premiale” per le concessioni in vigore, verificando la possibilità di una proroga di lunga durata; il secondo che individua criteri di evidenza pubblica e gare per le eventuali nuove concessioni che riguardano la maggioranza delle superfici demaniali ancora disponibili.

LE MARCHE DELLA CULTURA

La cultura occasione di sviluppo

Con la cultura si può creare lavoro, occasioni di crescita per un territorio. Allo stesso tempo dovrà essere opportunità formativa ed educativa verso la comunità, in particolare verso i giovani, agevolando e rendendo accessibile la sua fruizione. La Cultura sarà quindi elemento centrale e pervasivo delle politiche di governo per lo sviluppo della comunità, un punto in cui concentrare le risorse per accrescere le opportunità di sviluppo. Sarà necessario inoltre una pianificazione e strategia per investire al meglio i fondi europei che arriveranno nella nostra regione e  che dovranno essere concentrati su attività culturali che possano diventare attrazioni per i turisti di tutto il mondo. Il rapporto della Cultura con la scuola e con le politiche giovanili, costituirà un elemento essenziale della nostra strategia di governo futura.

Un nuovo sguardo alla nostra identità, a beni e attività per lo sviluppo

Il nostro territorio è uno straordinario generatore di cultura. Ogni provincia ha le sue peculiarità unicità e ricchezze. Un patrimonio da promuovere e da organizzare, come entità unica, promuovendone gli aspetti di unicità ma costruendo un’identità marchigiana con la piena consapevolezza delle nostre radici storiche, culturali e le tradizioni locali. L’obiettivo non è quello di conservare ma innovare il nostro patrimonio. Un patrimonio di arte, letteratura, paesaggi e ambienti che contraddistingue  la regione plurale d'Italia. Per tenere il passo con il mondo non possiamo in alcun modo rinunciare a essere marchigiani. Perchè nel mondo nuovo globalizzato la  cultura, con il turismo e il territorio, possono rappresentare per le Marche un motore di sviluppo economico.

Queste sono le nostre proposte.

Un nuovo protagonismo delle città e dei territori sfruttando al meglio l’opportunità dei fondi europei

     E' necessario un coordinamento per ambiti territoriali capace di offrire soluzioni condivise ai problemi sempre più impellenti delle singole comunità. Un coordinamento chiamato anche a scegliere dove meglio concentrare le risorse, sempre più calanti, con una rinnovata attenzione a quanto nasce a livello locale. Un lavoro che consentirà di valorizzare la pluralità delle identità, tornando a pensare le Marche come un fertile vivaio di proposte diversificate e di qualità. Negli ultimi anni si è favorito un centralismo decisionale che ha quasi “ingabbiato” la cultura e non ha consentito di conoscere e sostenere adeguatamente le tante progettualità a cui danno vita gli enti locali e le associazioni. Le Marche, infatti, non hanno saputo fino a questo momento sfruttare fino in fondo la possibilità di utilizzare i fondi europei, in parte perché è  mancata in questi anni una pianificazione e strategia regionale all’altezza della sfida e poi per la mancanza di realizzare progetti adeguati alle richieste dell’Europa. Per questo dobbiamo creare le condizioni per un efficace percorso di accompagnamento e formazione dei soggetti operanti nelle Marche per la formulazione di progetti validi, capaci di far accedere ai contributi europei messi a bando. Fondamentale sarà necessario creare un coordinamento più incisivo riguardo alla gestione dei fondi comunitari.

-     Rivendicare anche in sede nazionale il giusto valore dello scenario culturale delle Marche.

E’ necessario rinegoziare con il Mibact i nuovi parametri per il Fondo Unico per lo spettacolo e un nuovo Accordo di Programma Quadro per i beni culturali, valorizzando in maniera più adeguata le tante eccellenze del nostro territorio, consentendo così l’afflusso di contributi più consistenti, proporzionati alla grande ricchezza che le Marche da sempre sanno produrre;

-     Sviluppare   i percorsi culturali che sappiano essere volano attrattivo per il turismo di qualità.

Il potenziamento del cluster turistico dedicato alla cultura, promosso con l’offerta turistica in ambito nazionale e internazionale, è quanto mai necessario in una logica che faccia interagire territori, servizi di accoglienza ed eccellenze. Tutte le comunità locali devono sentirsi parte attiva di questo nuovo scenario e la Regione, cui spetta il compito di definire le cornici attuative di tali percorsi avrà il compito fondamentale di facilitare l’accesso di quanti intendono offrire un contributo di idee, di proposte, di partecipazione. La tutela del paesaggio e la valorizzazione degli ambienti borghigiani, che consideriamo i beni culturali più significativi e preziosi della nostra regione, avranno un ruolo essenziale nelle politiche regionali per la Cultura.

-     Controllare lo ‘stato di salute’ del nostro patrimonio culturale.

Tanti beni culturali (musei, biblioteche, teatri e archivi) sono in profonda sofferenza a causa dei progressivi tagli inflitti al settore. Troppo spesso, negli ultimi decenni, la Regione ha svolto un ruolo di supplenza rispetto allo Stato, cui spetta in modo esclusivo, il compito di conservare e tutelare il patrimonio culturale. La Regione sarà vigile rispetto ai programmi delle Soprintendenze regionali, che negli anni si sono quasi isolate dal contesto del territorio. Crediamo che la definizione di un nuovo Accordo di programma quadro, possa definire per i prossimi anni un cammino condiviso, sia delle priorità di intervento e sia della partecipazione della Regione agli interventi, compatibilmente alle risorse finanziarie disponibili;

- Un'unica programmazione regionale di breve e medio periodo.

Nell’ambito di una pianificazione sarà necessario creare un coordinamento di tutte le attività culturali, per fare una migliore promozione e quindi permettere agli operatori turistici di organizzarsi nel lungo periodo

-     Consolidare il sistema delle attività culturali di rilievo.

Consolidare certamente,ma anche intraprendere nuove azioni per la nascita di strumenti e dispositivi capaci di sostenere e sviluppare la creatività giovanile, in modo da creare un fecondo interscambio tra tradizione e innovazione

     Nel quadro delle politiche di valorizzazione dei beni e delle attività culturali, il cinema assume una funzione crescente divenendo sempre più strumento di promozione del territorio e condizionando i flussi turistici su scala nazionale ed internazionale. L’attività della film commission, scaturita dai programmi della Fondazione Marche Cinema Multimedia, in questi anni ha dato prova di saper corrispondere a queste esigenze, ma l’attività ha subìto a volte un freno dall’indeterminatezza delle risorse o dall’eccessiva ingerenza della politica nelle scelte. E’ nostra intenzione allargare concretamente la presenza dei Comuni nella Fondazione e di attuare una programmazione non più episodica, valorizzando soprattutto le peculiarità sia del territorio, sia dei servizi che dal territorio possono offrirsi alla film commission, sia degli operatori che nella nostra regione abbondano.

-     Per i Musei Civici delle Marche (circa 400) e le Biblioteche pubbliche (circa 200), che rappresentano la forma di criticità più evidente nel settore della Cultura, si rivedrà il modello organizzativo attuale passando dalle gestioni in forma singola a un nuovo soggetto (Fondazione Musei delle Marche o similare), concedendo la possibilità di intervenire nella gestione anche a partner privati (dalle Fondazioni bancarie a eventuali sponsor). Il ricorso, inoltre, a fondi di diversa provenienza (fondi comunitari del POR FESR, FSE, ecc..), rappresenterà una risposta operativa alle gravi problematiche del settore, capace se ben utilizzati di dare risposte occupazionali  alle migliaia di giovani laureati in materie umanistiche che attendono impazientemente nuove opportunità di impiego. 

LE MARCHE DEL WELFARE E DEL TERZO SETTORE 

Coesione sociale, bene pubblico delle nostre comunità

La storia dell’economia marchigiana è legata a doppio filo allo sviluppo di una piccola e media impresa intrecciata alle comunità locali, in un equilibrio fatto di economie, scelte urbanistiche, politiche sociali e sanitarie. La nostra crescita economica non sarebbe stata possibile senza un sistema di welfare integrato tra la rete dei servizi locali dei comuni, le famiglie, le risorse del volontariato e dell’associazionismo, la cooperazione sociale e la programmazione regionale.

Questo il punto centrale: mettere il cittadino al centro del sistema e spendere i fondi  per soddisfare gli utenti e i loro bisogni. Sempre di più dovrà operare per coniugare le esigenze di crescita economica con quelle della tutela della qualità dell’ambiente e della riduzione delle disuguaglianze sociali. Un obiettivo su cui far convergere, in un’ottica di responsabilità sociale, tutti gli attori del territorio non- profit e profit. Questo richiede affiancare ai criteri esclusivamente economici di valutazione dello sviluppo, modelli che abbiamo come obiettivo il miglioramento della “qualità della vita”.

Sicurezza, istruzione, sanità, ambiente, cardini dello sviluppo economico

E per questo che il nostro obiettivo deve puntare a un sistema di welfare di tutela della famiglia e di tutti gli altri beni relazionali e non monetari: sicurezza, istruzione, sanità, ambiente che rappresentano un formidabile supporto allo sviluppo economico. L’inclusione sociale, la partecipazione, la creatività, la formazione del capitale umano, la fiducia nelle relazioni contano quanto l’aumento del capitale economico di un territorio.

L’obiettivo è, dunque, aprire nuovi cantieri sociali, per un welfare locale che sperimenti nuova mutualità, propulsore di cambiamenti culturali, di stili di vita e di consumi, orientato alla innovazione dei servizi alla persona e che ottimizzi al meglio le risorse attraverso una pianificazione che tenga conto dei bisogni dei cittadini. Occorre a tal fine investire sulla sperimentazione nei territori avviando laboratori locali, responsabilizzando a queste sfide gli Uffici di Piano, gli amministratori locali e i tecnici, gli attori e i vari soggetti sociali, l’associazionismo e i cittadini, in un lavoro che non può che essere integrato, intrecciato, ognuno con il proprio ruolo e la propria responsabilità ma insieme, perché “insieme si fa di più e meglio”.

Nuove azioni per le politiche di welfare

Per questo è oggi indispensabile mettere a disposizione strumenti di programmazione delle politiche di welfare, in particolare:

  1. L’organizzazione del “Dipartimento per la salute e politiche sociali” affinché che l’integrazione socio-sanitaria avvenga secondo modalità reali di integrazione;
  2. Il potenziamento dell’organizzazione degli ambiti territoriali nelle modalità previste dal Piano sociale regionale;
  3. La garanzia del necessario supporto finanziario al funzionamento del sistema di welfare, specie a fronte delle politiche nazionali che puntano a forme pericolose di privatizzazione dei servizi, che non garantirebbero pari opportunità di accesso ai cittadini marchigiani;
  4. Il sostegno delle tante professionalità sociali che hanno garantito, in questi anni, un'elevata qualità dei servizi. Professionalità che per gran parte si sono formate e operano all’interno delle realtà di terzo settore e che costituiscono un capitale sociale da valorizzare, visto che i servizi funzionano soprattutto se vedono la presenza di persone capaci di costruire al loro interno relazioni di crescita e di sviluppo personale;
  5. L’impegno ad aggiornare e migliorare le normative per l’affidamento dei servizi, sperimentando modalità innovative (concessione e accreditamento) per uscire dalla sterile logica degli “appalti”, a garanzia della trasparenza e della standardizzazione delle procedure a livello regionale, a tutela della qualità della progettazione, a salvaguardia del radicamento territoriale, a protezione della dignità del lavoro sociale;
  6. La definizione dei costi standard di tutti i servizi del welfare a garanzia degli utenti, a tutela dei soggetti gestori e della trasparenza dei costi per la collettività;
  7. L’assunzione di un ruolo di organizzazione, regia, governance della rete dei soggetti impegnati nella realizzazione del sistema del welfare, anche attraverso la stipula di patti territoriali.
  8. Legittimazione dei soggetti del terzo settore quali interlocutori strategici per la condivisione delle politiche di welfare così come previsto dalle normative regionali e nazionali.

LE MARCHE DEI FINANZIAMENTI EUROPEI  

ASSUMERE INNANZITUTTO UNA COSCIENZA EUROPEA

I fondi strutturali rappresentano oggi la vera opportunità, concreta e unica, su cui investire in modo deciso.

L'avvio della nuova programmazione 2014/2020 carica tutte le amministrazioni, in particolare quelle regionali, di grandi responsabilità, specie in un momento di considerevoli tagli delle risorse da parte dello Stato e di riorganizzazione delle funzioni, delle Province.  Per fare questo, occorre però innanzitutto un cambio di mentalità degli amministratori e di sensibilizzazione costante della comunità marchigiana sulle occasioni che derivano dall'essere cittadini europei. I 1200 milioni di euro che arriveranno dall’Europa saranno determinanti per far ripartire l’intero sistema produttivo economico e sociale marchigiano. Saremo noi, insieme ai territori, a scegliere e decidere come indirizzare questi fondi, pianificando in maniera strategica i progetti. Non più finanziamenti a pioggia, ma idee da realizzare all’interno di un quadro complessivo di scelte strategiche da indirizzare per lo sviluppo in diversi settori (occupazione, lotta al dissesto idrogeologico, welfare, edilizia).

 I Comuni in questo senso giocano un ruolo decisivo poiché rappresentano il livello più vicino ai territori. Ed è proprio il territorio a essere al centro dello sviluppo socio-economico e sostenibile:  in una Europa a 28, dove il processo di integrazione condurrà Paesi candidati a divenire futuri Paesi membri, gli unici strumenti finanziari per ridurre divari fra territori diversi è rappresentato dai fondi europei: programmi a gestione diretta, programmi di cooperazione territoriale, fondi a gestione indiretta (fondi strutturali gestiti dalle regioni).

INTRODURRE NOVITÀ ORGANIZZATIVE PER RACCORDARE TUTTI I FONDI EUROPEI

Crediamo sia indispensabile che la programmazione regionale risulti effettivamente unitaria mediante la stesura di un unico documento strategico regionale che sia di raccordo tra tutti i fondi europei (FESR, FSE, FESR, FEAMP).

Dal punto di vista amministrativo il Servizio regionale dovrà svolgere un reale coordinamento per  raccordare la programmazione regionale con tutte le progettazioni che derivano, ad esempio, da enti locali, università, altre realtà socio-economiche (ad es. Camere di Commercio). Al riguardo si istituirà uno specifico tavolo di lavoro con il compito di monitorare costantemente i processi amministrativi informando periodicamente, mediante appositi report, enti e  istituzioni interessate.

Lo sportello informativo unico regionale sarà potenziato e dovrà essere il punto di riferimento e di raccordo di tutti gli sportelli informativi esistenti sul territorio (Eurosportelli, Uffici dedicati presso le Associazioni di categoria, ecc...) con il compito di informare sulle politiche dell'UE, , e organizzare iniziative di sensibilizzazione.

L’organizzazione dell’Ufficio di rappresentanza a Bruxelles sarà completamente rivisto,potenziato e posto sotto la direzione e il coordinamento di un dirigente di consolidata esperienza. La sede di Bruxelles avrà il chiaro mandato di investire in una mirata azione di lobbying diminuendo l'attività informativa che potrà essere demandata agli uffici regionali.  L'obiettivo è consentire all'Ufficio di Bruxelles di condurre azioni più strategico-politiche e meno operative realizzando regolarmente incontri con i DG della Commissione Europea e i Parlamentari europei per condurre azioni su dossier di particolare interesse e importanza per le Marche.

Accanto ai temi macroregionali vi sono altri due aspetti rilevanti nella programmazione 2014/2020 e contenuti nel Por Fesr della Regione Marche:

- strategia delle aree interne;

- sviluppo urbano.

Entrambe le misure richiedono nuovi strumenti della programmazione comunitaria, come ad esempio gli ITI (investimenti territoriali integrati). Da ciò deriva la necessità di accrescere le competenze delle autorità locali nella governance dello sviluppo urbano e territoriale.

REGIONE E TERRITORI PER UNA VISIONE STRATEGICA DI LUNGO PERIODO

Una proposta progettuale risulta vincente se dà risposte concrete ai fabbisogni dei territori e il  coinvolgimento di diversi stakeholders. Si deve dunque puntare a un processo di governance coordinata per dare impulso alla progettualità poiché nessun attore, sia esso pubblico o privato, può intervenire efficacemente da solo: troppe sono le variabili da tenere sotto controllo. Ciascun attore del territorio/Comune dovrà invece autonomamente individuare e utilizzare un modello gestionale finalizzato a orientare la propria macchina amministrativa verso tecniche di management ispirate a criteri di efficacia, efficienza ed economicità: un esempio concreto potrebbe essere la gestione tra Comuni, in forma associata, dell'attività strategica dell'europrogettazione, iniziative queste che dal versante regionale vanno promosse e  incentivate.

Bisognerà favorire rete, pianificazione strategica e partecipazione avviando anche meccanismi di premialità per proposte progettuali presentate da Comuni/imprese/beneficiari che agiscono in rete o in forma associata. Si vince la sfida della promozione dello sviluppo se si comprende la necessità di contare sul contributo di più attori che agiscono in maniera coordinata per il perseguimento di un obiettivo comune.

LE MARCHE DELLA MACROREGIONE ADRIATICO IONICA

Dalle parole ai fatti

La Strategia è stata approvata a Bruxelles lo scorso 18 novembre 2014 ed è divenuta di fatto operativa a partire da gennaio 2015. La Commissione Europea ha elaborato un Piano di Azione dove sono contenuti assi/ambiti tematici, condivisi in fase di consultazione con gli stakeholders degli 8 Paesi della Strategia (Italia, Croazia, Slovenia, Grecia, Albania, Bosnia, Montenegro, Serbia). Tali assi tematici sono cornici di riferimento entro i quali muoversi per proporre progetti strategici di interesse per l'intero bacino Adriatico. Sulla Macroregione Adriatica il passaggio sarà ora agli atti concreti.

La Regione Marche continuerà a seguire con la massima attenzione e con il necessario sostegno anche finanziario l’attività del Segretariato IAI., l’organismo della diplomazia nazionale che coordina l’attività degli otto Paesi aderenti alla Macreregione e che ha sede ad Ancona. Come pure oggetto di speciali attenzioni sarà il “Governing Board”, l’organismo che sovrintende alla realizzazione della Strategia della Macroregione adriatico ionica (Eusair), che proprio ad Ancona nel Gennaio 2015 ha tenuto la sua prima riunione.

L’obiettivo principale della Macroregione è quello promuovere il benessere economico e sociale della regione Adriatico-Ionica attraverso la crescita e la creazione di posti di lavoro, migliorando la sua attrattività, competitività e connettività, preservandone, al contempo, l’ambiente e garantendo ecosistemi marini e costieri sani e in equilibrio.

Rispetto ai quattro assi tematici che costituiscono il Piano d’Azione (economia blu, infrastrutture materiali ed immateriali, qualità ambientale, turismo sostenibile) e alle due priorità trasversali (ricerca, innovazione, sviluppo PMI e capacity building), la prospettiva, d’ora in avanti, non sarà solo la sommatoria dei progetti di cui i Paesi e le regioni dispongono, ma riguarderà una visione strategica da costruire, sia in termini di scelte politiche SIA di soluzioni tecniche.

Punteremo alla realizzazione di pochi progetti, ma dovranno essere importanti e qualificanti per integrare dal punto di vista anche socio-economico i territori degli otto Paesi membri e costruire concretamente il progetto delle infrastrutture di servizio reali e immateriali che costituiranno l’ architettura della Macroregione. In particolare, rispetto ai quattro assi tematici, riteniamo necessario operare su questi assi.

Asse 1 - Guidare una crescita innovativa marittima e marina. Obiettivo sarà la promozione della credito economica sostenibile, la creazione di posti di lavoro e l’opportunità di business nei settori della blue economy (acquacoltura,  pesca, biotecnologie blu, servizi marini e marittimi) ;

Asse 2 - Connettere la regione. L'obiettivo dovrà essere il rafforzamento dei collegamenti della Macroregione e la riduzione delle distanze tra le comunità insulari e rurali attraverso il miglioramento della gestione dei corridoi fluviali e marittimi, nonché l’interoperabilità di tutte le modalità di trasporto. Riteniamo d’interesse anche il progetto per la creazione di una connessione immateriale (Adriatic Cloud).

Asse 3 - Migliorare la qualità ambientale. Obiettivo sarà il miglioramento della qualità ambientale degli ecosistemi e la tutela della biodiversità.

Asse 4 - Turismo sostenibile. Obiettivo sarà l’aumento dell’attrattività turistica della macroregione, supportando lo sviluppo sostenibile del turismo costiero, marittimo dell'entroterra, la riduzione della stagionalità della domanda, la limitazione dell'impatto ambientale e la promozione di un brand comune (Adrion).

 Per la Macroregione Adriatico-Ionica seguiremo, inoltre, con particolare attenzione l’evolversi del Piano Juncker, che istituisce il Fondo europeo per gli investimenti strategici e mobiliterà ulteriori investimenti nell'economia reale soprattutto nei settori delle infrastrutture, dell'energia rinnovabile e dell'efficienza energetica, come anche l'educazione, la ricerca, l'innovazione, al fine di garantire il finanziamento di una linea di progetti di portata europea

Le Marche nel mondo 

Internazionalizzare l’artigianato e il sistema delle piccole e medie imprese

In un contesto nazionale che prevede nel medio periodo una debole ripresa del mercato interno, è necessario dare impulso all’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese marchigiane e alla promozione del territorio perché diventi patrimonio di valori condivisi e non si identifichi solo nell’attività di pochi.

Le produzioni marchigiane, quelle definite del “made in Marche” sono caratterizzate, in larga parte, da prodotti manifatturieri di fascia alta o da prodotti che derivano da processi di innovazione tecnologica. La competizione sui mercati esteri è più feroce e le sfide diventano sempre più impegnative. Sullo scacchiere internazionale, il nostro sistema regionale, composto prevalentemente da micro piccole e medie imprese (oltre 150 mila) affronta quotidianamente la concorrenza agguerrita, non solo dei Paesi produttori emergenti, ma anche delle stesse regioni italiane.

Internazionalizzare per crescere

Per vincere questa sfida, dalla quale dipende molto del nostro futuro di comunità regionale, il ruolo che la Regione Marche dovrà svolgere è centrale e va perseguito ponendosi tre specifici obiettivi generali:

-        Accrescere la competitività del sistema economico regionale migliorando il modello organizzativo interno con la creazione di un'unica cabina di regia politica e amministrativa per le relazioni istituzionali, economiche e commerciali con l’estero;

-        Accrescere il numero di aziende che fanno internazionalizzazione e che orientano le produzioni sui mercati internazionali intensificando, con strumenti adeguati, la cultura d’impresa e i modelli organizzativi d’impresa;

-        Accrescere il volume degli scambi commerciali favorendo, al contempo, l’attrazione degli investimenti esteri nel territorio, fornendo alle aziende la necessaria assistenza tecnica e dotandole di tutti quegli strumenti di conoscenza indispensabili per realizzare processi di crescita a livello internazionale.

Il perseguimento di questi obiettivi comporta scelte importanti e non più rinviabili, quali:

-        Condividere le scelte con le organizzazioni delle imprese definendo una linea comune d’azione che si concretizzi in un’unica programmazione regionale, di breve e medio periodo, accompagnata da un adeguato sostegno finanziario ai piani annuali di attività e raccordata con le politiche nazionali di settore, tipiche dell’attività del MISE, del MAE e dell’Agenzia ICE;

-        Accorpare in un'unica struttura regionale le materie e le relative funzioni amministrative riguardanti l’internazionalizzazione, la promozione all’estero, l’associazionismo dei marchigiani nel mondo, per dare maggiore coerenza e razionalità alle politiche regionali rivolte all’estero; 

-        Istituire un’ unica Agenzia per l’Internazionalizzazione e la promozione estera che aggreghi gli attori istituzionali e i soggetti pubblico/privati che si occupano stabilmente di internazionalizzazione (Regione, Camere di Commercio e Aziende speciali, parte della SVIM che tratta questa materia) e che operi con un unico programma di attività sulla base di un’unica programmazione regionale;

-        Investire sui giovani e sulla creazione di nuove figure professionali (temporary manager e operatori economici specializzati), per accrescere la cultura d’impresa in materia di internazionalizzazione, promuovendo in collaborazione con le Università marchigiane e con l’ISTAO, programmi di formazione altamente specializzati, per consentire al sistema delle PMI l’immissione nelle aziende di nuovi collaboratori da destinare allo sviluppo dei processi di internazionalizzazione;

-        Favorire la nascita di nuove reti di impresa, sostenere l’attività di quelle esistenti e dei Consorzi marchigiani, in attività di promozione e internazionalizzazione realizzate anche in modo autonomo, ma nel rispetto di standard qualitativi di gestione;

-        Dare fiducia alle imprese e alla loro capacità di muoversi autonomamente sui mercati internazionali incrementando l’ammontare complessivo delle risorse destinate ai vauchers aziendali, con particolare attenzione ai progetti promossi da giovani imprenditori, favorendo al contempo la diffusione di metodi innovativi di marketing internazionale;

-        Sviluppare politiche tese a favorire l’attrazione degli investimenti da parte di operatori esteri per favorire la crescita del sistema economico regionale;

-        Utilizzare l’appuntamento di Expo Milano 2015, come momento irripetibile per la promozione delle Marche, del sistema economico e sociale marchigiano, del territorio e dei prodotti marchigiani, della cultura e delle attrazioni turistiche del nostro territorio favorendo incoming di delegazioni istituzionali ed economiche straniere e l’afflusso del maggior numero di turisti stranieri;

-        Continuare ad investire sul brand Marche affinché la nostra regione divenga sempre più conosciuta ed apprezzata nel mondo e sia realmente luogo di destinazione di crescenti flussi turistici per l’intero arco dell’anno.

Le Marche dei trasporti pubblici locali

Risalire dall’ultima posizione di ripartizione del fondo nazionale trasporti

Il trasporto pubblico locale diventerà un punto centrale delle politiche del governo della Regione. Oggi, non è così. Occupiamo infatti l'ultima posizione in Italia nella ripartizione del fondo nazionale trasporti. La nostra quota è pari a 68,66 euro per abitante contro una media nazionale di 95,7 euro ed è addirittura la metà rispetto a quella destinata a regioni medio piccole come la nostra.

Una forte riduzione di stanziamenti che va in controtendenza rispetto ai bisogni e alle istanze di famiglie, studenti  e pensionati, che ogni giorno devono spostarsi per accedere ai servizi sanitari. La Regione ha infatti una residenzialità molto diffusa,  a cui si aggiunge una scarsissima presenza di linee di trasporto su gomma nazionali con capolinea di partenza e  destinazione principale le Marche.

Il trasporto pubblico locale su gomma, in un contesto come quello delle Marche diventa dunque quanto mai fondamentale per qualsiasi fascia di popolazione.

Inoltre le aziende del settore, messe in difficoltà dai continui tagli, hanno ridotto i servizi, e il ritardo nelle erogazioni sta mettendo in serio rischio le capacità di affrontare la gestione ordinaria e anche le prossime gare per l’affidamento dei servizi.

Adeguare il sistema dei trasporti e della logistica

Fondi ulteriormente ridotti col Programma triennale regionale dei servizi di trasporto pubblico regionale locale 2013 – 2015. Non è stato neppure determinato il costo standard ma ci si limita a far passare costi e ricavi del 2012 di alcune aziende come costi standard che valgono dal 2014 in poi.

Tutto questo porta grandi difficoltà di prospettive per le aziende che non riescono a rinnovare i mezzi e spesso devono chiedere grossi sacrifici ai territori serviti che potrebbero aspirare a maggiori servizi in special modo in termini quantitativi.

Il corrispettivo chilometrico nella Regione Marche, che mediamenteè 1,50 euro per il servizio extraurbano e di  1,70 euro per il servizio urbano, è completamente insufficiente per la sopravvivenza delle aziende che  gestiscono il servizio e per qualsiasi altro gestore che volesse cimentarsi in tale gestione.

Puntare a un affidamento per provincia e rendere flessibile il lavoro delle aziende

In Italia ci sono circa 1.150 imprese di TPL contro le circa 5.000 tedesche e spagnole.

In Italia ci sono 127 imprese pubbliche o società miste e poco più di un migliaio di imprese private.

L’anomalia risiede negli affidamenti.  Mentre in Italia ci sono circa 700 affidamenti, in Germania se ne contano 300 e addirittura solo 100 in Spagna.

Basterebbe dunque passare a un affidamento per provincia più gli affidamenti per le aree metropolitane e  arriviamo ad avere circa 150/200 affidamenti, cioè meno di quelli tedeschi. Tutte le discussioni sono dunque inutili ed è invece indispensabile concentrarsi su costi standard, fabbisogni standard e riforma del TPL. 

Non  avventuriamoci  a frettolosi affidamenti

Serve dunque una nuova sensibilità amministrativa che, tenendo conto dei vincoli di bilancio regionali, renda flessibile il lavoro delle aziende, invece di disporre norme rigide e, a volte poco razionali, che limitano ogni iniziativa aziendale incidendo ulteriormente sui dati economici delle aziende.

In tale contesto nazionale risulta incomprensibile che la Regione Marche, ultima in Italia per assegnazioni pro capite del fondo nazionale dei trasporti, voglia frettolosamente avventurarsi nell’avvio di nuovi  affidamenti.

Occorre un impegno politico chiaro a livello nazionale e locale e considerare questo settore strategico per lo sviluppo sociale ed economico della Regione, ponendolo al centro dell’attenzione anche l’utilizzo di risorse europee e nazionali sia per gli investimenti sia per la spesa corrente.

LE MARCHE DEI SERVIZI PUBBLICI AMBIENTALI

Per una sostenibilità ambientale, economica e finanziaria

Il settore dei Servizi pubblici locali è  fondamentale per lo sviluppo di un territorio, per la qualità della vita dei cittadini che vi risiedono, per la competitività del  tessuto socio-produttivo. Da troppo tempo però risente della mancanza di una chiara e stabile normativa. Per troppo tempo è mancata  una linea coerente e si sono prodotte situazioni eterogenee.

 La definizione di una normativa che fissa  regole ben delineate è elemento indispensabile per lo sviluppo gestionale dei Spl in un’ottica industriale e per  una   sostenibilità ambientale, economica e finanziaria.

I SPL rappresentano un volano per la crescita del territorio, come dimostrano i dati relativi alle 100 maggiori aziende,  il cui fatturato totale rappresenta il 7,7% del Pil italiano, investimenti, passati da 5,3 miliardi nel 2012 a 5,7 miliardi nel 2013 e per l'elevato indotto occupazionale che producono 

Rendere le aziende competitive puntando alla rendere migliore il servizio ai cittadini

Abbiamo l’obiettivo di costruire nelle Marche un sistema di servizi razionalizzato, diversificato, efficiente e che sia fattore di competitività dei nostri territori regionali.

Nelle Marche operano oltre 20 società derivanti dalla trasformazione            delle preesistenti aziende municipalizzate o consortili a seguito delle normative Bassanini di fine anni ‘90.

 Il quadro gestionale  è dunque fortemente frammentato con la presenza di numerosi operatori anche nello stesso ambito provinciale. Altrettanto noto è il fabbisogno di ingenti investimenti nel settore idrico e ambientale per dotare il territorio di impianti e reti moderne garantendo così lo sviluppo qualitativo e quantitativo del servizi che rappresentano un' elemento fondamentale per la qualità della vita e  la competitività di un territorio.

Il governo, preso atto della presenza di oltre 8 mila  aziende a livello nazionale di cui oltre mille che gestiscono Spl e più precisamente Servizio idrico integrato, rifiuti, gas e trasporti pubblici, ha già avviato un percorso  per la drastica riduzione del loro numero. L' obiettivo dichiarato  è  renderle più competitive in un’ottica di tutela del cittadino che utilizza i servizi pubblici.

E' un percorso che trova piena coerenza con l’attività e gli obiettivi delle Autorità indipendenti, quali AEEGSI ( Autorità Energia elettrica,gas e sistema idrico) e AGCM ( Autorità garante per il mercato e la concorrenza), che costantemente evidenziano la necessità di una concorrenza peri produrre benefici ai cittadini.

Superare le singole realtà per competere e creare occupazione

Il nostro obiettivo, pertanto, è quello di puntare a un processo di pianificazione che vada al superamento delle singole realtà creando condizioni di dimensioni tali da poter competere nelle sfide future,  sviluppando investimenti e occupazione. Questo processo lo  costruiremo con il contributo e la condivisione degli attori che in questi anni hanno manifestato punti di eccellenza affinchè le esperienze e le capacità professionali maturate nelle singole realtà vengano trasferite nella nuova dimensione, creando ancora più specializzazione, maggiore sviluppo professionale degli operatori.  Così non solo si tutelano i posti di lavoro ma si recuperano risorse per gli investimenti, necessari per rispettare la competizione del mercato e le direttive comunitarie.

La prossima amministrazione si impegnerà inoltre su altri tre obiettivi:

- la revisione del Piano di tutela delle acque (PTA), per renderlo più armonico alle peculiarità del territorio

-  la rivisitazione del  Piano regionale dei rifiuti ricercando l’autonomia impiantistica;

- la semplificazione dei processi autorizzativi in materia ambientale per pervenire a un controllo più organico ma più semplice e meno burocratico.

LE MARCHE DELLE INFRASTRUTTURE

La modernizzazione, lo sviluppo del territorio sono i nostri obiettivi. Per questo un adeguato sistema di trasporto e di logistica è centrale e  rappresenta la condizione indispensabile per la crescita di un territorio e la  sua migliore integrazione in ambito europeo.

In particolare per il territorio marchigiano che soffre di un gap infrastrutturale che incide in maniera rilevante sulla competitività delle aziende.

Per la modernizzazione del sistema infrastrutturale regionale, gli  strumenti e i soggetti chiave su cui la prossima amministrazione dovrà lavorare sono:

-                L'applicazione di strumenti innovativi come il partenariato pubblico privato, il contratto di disponibilità e la “cattura di valore”, capaci di coinvolgere le energie e le potenzialità dei territori impattando gradualmente sulla fiscalità pubblica;

-                L'individuazione di soggetti finalizzati allo scopo, società pubbliche di progetto   con obiettivi precisi e tempi definiti,  in grado di far coesistere gli enti pubblici territorial i e  attrarre capitali privati.

In tale contesto la Regione rappresenta il fulcro  per il completamento del nostro assetto infrastrutturale puntando su alcune opere prioritarie per gli obiettivi di ammodernamento delle Marche. Gli assi su cui la prossima amministrazione lavorerà sono diversi.

Quadrante nord

La E78 Fano Grosseto

La realizzazione della  E 78 Fano Grosseto  è di fondamentale importanza per lo sviluppo della competitività delle Regioni di riferimento, rappresentando una priorità del Governo per la capacità dell’intervento di implementare il collegamento tra il versante adriatico e quello tirrenico, in connessione con arterie di rilevanza nazionale ed europea e come spina dorsale sia per il sistema dei porti (Livorno, Civitavecchia, Ancona e Ravenna) e degli interporti.

Logistica, Portualità/Intermodalità delle Marche

Il nodo della piattaforma logistica delle Marche comprende L’interporto Delle Marche, Il Porto Di Ancona E L’aeroporto Delle Marche A Falconara, punto fermo per l’organizzazione della raccolta e distribuzione delle merci nel centro-Italia e sulla dorsale adriatica guardando sia ad est verso i Balcani, a sud verso le rotte marittime del Mediterraneo, a nord verso i corridoi europei.

E’ necessario potenziare tale sistema per far crescere la capacità di smistamento delle merci in arrivo, aumentando il quantitativo di volume  delle merci che sbarcano oggi al porto di Ancona, uno dei più attivi delle Marche. 

Il porto di Pesaro, Fano e San Benedetto

Attualmente il porto di Pesaro è in fase di riprogettazione. Alla fine dei lavori, la zona assumerà una veste del tutto nuova e saranno rafforzate sia le attività commerciali che il porto turistico, consentendo così una maggiore funzionalità dello scalo pesarese.

l porti di Fano e San Benedetto del Tronto  ospitano una cospicua flotta di pescherecci.  Ciò nonostante, risulta necessario un loro ammodernamento alla luce delle nuove opportunità offerte dalla riqualificazione logistica regionale e l'escavo dei fondali che stanno determinando un empasse operativa ( nella parte del programma dedicata alle Marche dei porti proponiamo una nuova strategia operativa della Regione). L'obiettivo è di  aprire l’occasione di migliorare l’efficienza portuale sia in termini di potenziamento dell’attività economica presente, sia in termini di maggior apertura al turismo.

Collegamento stradale tra l’A14 e il porto di Ancona

E' necessario un progetto che punti alla realizzazione e gestione del collegamento stradale tra il Porto di Ancona, l’Autostrada A14 e la Strada Statale 16 “Adriatica”.

La nuova arteria prevista si svilupperà per una lunghezza totale di circa 11 Km: 7,5 Km di collegamento autostradale tra la A14 (svincolo Ancona Centro) e il Porto di Ancona e circa 3 Km di bretella di collegamento tra la S.S. 16 e il nuovo svincolo sulla A14.

E’ opportuno che si preveda anche la realizzazione di un centro attrezzato per i TIR dotato di un sistema di tele prenotazione per l’accesso  alla banchina del porto.

Linee ferroviarie

-       Bologna-Ancona

Relativamente alla linea ferroviaria Bologna-Ancona, si propone la realizzazione di un progetto che preveda l’arretramento della stessa finalizzato a rendere il tratto percorribile dall’Alta Velocità, attualmente impossibile per ragioni di sicurezza, dando l’opportunità di “liberare” circa 20 km di costa, da riqualificare in accordo con le amministrazioni interessate.

L’iniziativa permetterebbe di avere a disposizione circa 45 ettari di terreno tra Falconara Marittima e Ancona da riorganizzare in maniera efficiente, potendo anche eventualmente partecipare al cofinanziamento della realizzazione dell’opera, pari a circa 2 miliardi di euro.

L’arretramento proposto permetterebbe la creazione di un piede della frana che consentirebbe di arretrare la linea del mare di circa 500-600 metri, così da porre in essere le condizioni per la valorizzazione della zona “waterfront” a scopo turistico/ricreativo in accordo con l’Autorità Portuale.

-                Orte-Falconara

La Direttrice Orte-Falconara è una delle linee trasversali della rete ferroviaria italiana che, attraversando l'Appennino centrale lungo un itinerario che va da est a ovest, collega la linea Roma-Firenze con la direttrice Adriatica rispettivamente in corrispondenza di Orte e di Falconara Marittima. Il progetto di potenziamento di tale direttrice, attraverso l'aumento della capacità di trasporto, la riduzione dei tempi di percorrenza e l'eliminazione delle interferenze con la viabilità stradale, ha l’obiettivo di consentire il rafforzamento dell’offerta ferroviaria.

Quadrante centrale

Il progetto quadrilatero Marche Umbria

Va riconosciuto  che il progetto Quadrilatero Marche Umbria rappresenta la prima applicazione in Italia del modello di partenariato pubblico privato attraverso lo strumento della cattura di valore, attuato tramite il Piano di Area Vasta, per un investimento complessivo di circa 2.200 milioni di euro.

l Progetto infrastrutturale viario consiste nel completamento e adeguamento di due arterie principali -l'asse Foligno-Civitanova Marche strada statale 77 e l'asse Perugia-Ancona statali 76 e 318, della Pedemontana Fabriano-Muccia/Sfercia e di altri interventi viari, idonei ad assicurare il raccordo con i poli industriali esistenti e, più in generale, a migliorare ed incrementare l’accessibilità alle aree interne delle Regioni interessate, attraverso un innovativo piano di cofinanziamento, il Piano di Area Vasta.

Realizzazione della terza corsia A14

Il potenziamento dell' A14 tra Rimini Nord e Porto S.Elpidio (nuovo svincolo) è in fase di realizzazione e prevede l'ampliamento da 2 a 3 corsie, più la corsia di emergenza, per uno sviluppo complessivo di 154,7 km. Alla realizzazione della terza corsia si accompagnerà la realizzazione di cinque nuovi svincoli  e l'adeguamento di dieci svincoli esistenti. L'obiettivo è il completamento della terza corsia per tutto il territorio marchigiano superando così le difficoltà di logistica da Gabicce a San Benedetto.

quadrante Sud

Il triangolo Marche Abruzzo

Altra esigenza infrastrutturale delle Marche è la realizzazione di un efficiente collegamento interregionale con l’Abruzzo e con le reti autostradali esistenti.

L’idea progettuale del Triangolo Marche Abruzzo consiste nella realizzazione di un tratto stradale di circa 120 Km a 4 corsie, adeguando la viabilità esistente, costituendo pertanto un percorso alternativo alla A 14 per collegare in maniera efficiente le zone interne delle Marche e dell’Abruzzo.

Tale asse, di categoria autostradale, in grado di sfruttare un itinerario attuale favorevole dal punto di vista orografico e stradale, prevedrebbe la realizzazione di 5 uscite in corrispondenza dei centri più importanti e dei bacini produttivi di maggiore rilevanza, in corrispondenza dei quali definire delle vere e proprie “Piattaforme territoriali”, capaci di porre in essere le condizioni più favorevoli per il cofinanziamento della realizzazione del sistema viario. Il modello di Partenariato pubblico privato ipotizzato per il cofinanziamento della realizzazione dell’opera prevede, sulla scorta della proposta individuata per la E 78 Fano Grosseto, di ricorrere al Contratto di disponibilità.

La rete regionale delle piste ciclabili

La prossima amministrazione si impegnerà anche per lo sviluppo della mobilità ciclabile che significa turismo cicloturistico, contributo alla lotta all’inquinamento veicolo, rilancio di città più salubri e vivibili, promozione di una fruizione del territorio. Esiste già una legge regionale su cui vogliamo continuare a investire con l’obiettivo di costruire circuiti ciclabili integrati e di infrastrutture al servizio dei ciclisti con parcheggi e punti ristoro che attraversino le tante località marchigiane ricchi di valore ambientale, paesaggistico e culturale che identificano i nostri territori. Vogliamo riempire di concreti contenuti la legge regionale per favorire l’uso della mobilità ciclistica nelle Marche attraverso una rete regionale di ciclabili interconnesse, una mobilità ciclabile che vuole congiungere Gabicce Mare a San benedetto.

Le infrastrutture immateriali

Ma il nostro obiettivo di completamento dell'assetto infrastrutturale marchigiano non riguarda  soltanto le infrastrutture materiali ma anche quella immateriale per colmare il “Digital divide” regionale che limita l’interconnessione dei nostri distretti produttivi col mercato nazionale e internazionale così da incrementare il valore del “Brand Marche” nei mercati di riferimento.

In tal senso, cogliendo le opportunità offerte dalle normative nazionali  e comunitarie  la nuova amministrazione regionale dovrà canalizzare i propri sforzi utilizzando i cavidotti delle infrastrutture in corso di realizzazione (Progetto Quadrilatero e E 78 Fano Grosseto), per abbattere il digital divide  presente soprattutto nei territori rivolti al versante appenninico. Avvieremo pertanto le opportune sinergie con le società pubbliche di progetto per far uscire le Marche dall'isolamento.

LE MARCHE DEI PORTI, DELLE COSTE, DEI LITORALI 

Gli escavi dei porti e il ripascimento delle spiagge

Forti cambiamenti sono avvenuti  nella gestione dei porti marchigiani. Le competenze sono transitate, esclusi i porti di Ancona, Pesaro e parzialmente di San Benedetto del Tronto, dallo Stato alla Regione Marche. Ciò ha determinato, per la manutenzione e l'escavo dei fondali dei porti, un empasse operativa: quello che prima era routinario, ha assunto le sembianze di eccezionalità. Non solo per gli oneri economici ma anche per l'intervento di normative che impediscono oggi l'immersione dei materiali d'escavo in mare e al largo della costa.

Una nuova strategia normativa per la Regione

Serve, dunque, una nuova strategia normativa che consenta un duplice vantaggio: l'escavo delle imboccature dei porti marchigiani (sabbiose quasi nella loro interezza e scevre da inquinamenti) e delle darsene interne. Coniugando ciò con l'utilizzo delle sabbie escavate per ripascimenti dei nostri litorali - fortemente interessati da vistosi fenomeni erosivi - e l'individuazione di "casse di colmata" costiere ove far confluire la parte a volte inquinata dei materiali provenienti dal dragaggio e dalla bonifica delle darsene interne dei nostri porti.

In questo quadro dobbiamo, quindi, sviluppare una normativa regionale, anche sulla scorta delle esperienze maturate nelle vicine regioni costiere, che permetta l'escavazione dei porti marchigiani con procedure autorizzative dai tempi certi e in capo ad un unico soggetto, sottraendole al diffuso esercizio dell'interpretazione e dell'applicazione a macchia di leopardo.

L'onerosità della caratterizzazione delle sabbie dei porti regionali, sia ai fini del loro escavo sia ad uso ripascimento - che dovrà prioritariamente essere finalizzato al ricarico delle spiagge sommerse prospicienti alla linea di battigia - dovrà far capo a un unico soggetto regionale: la "partita di giro" attuale tra Regione che finanzia i Comuni competenti e il ritorno alla Regione attraverso il pagamento di parcelle all'Arpam da parte dei Comuni, non risulta rispondere ai principi di efficienza, efficacia e tempestività che in tale campo risultano imprescindibili.

Il ripascimento delle spiagge, una grande opera pubblica

Dei 172 km di costa marchigiani, su cui sono competenti 23 Comuni, per oltre 2/3 già soggetta ad opere di difesa “rigide”: scogliere emerse, radenti, soffolte. Il resto a una difesa “morbida”: i ripascimenti.

La recente revisione del Piano regionale di difesa integrata della costa ha ampliato la possibilità dell’impiego delle scogliere.

Ma se i circa 2 milioni di metri cubi di sabbie da scavare per rendere i nostri porti fruibili e navigabili in sicurezza - quantitativo similare a quello utilizzato dalla Regione Emilia Romagna per la coltivazione di cave sottomarine di sabbia ai fini di ripascimento venissero finalmente usati per ricostruire le nostre spiagge, assisteremmo ad una grande opera pubblica, a una difesa paesaggisticamente sostenibile dei nostri litorali a una messa in sicurezza delle strutture portuali, a un loro sviluppo ai fini turistico-diportistici - commerciali e ai riconoscimenti ambientali di qualità le "bandiere blu" dei porti.

Il ricorso a fondi comunitari per questo intervento, appare proponibile, tenuto anche conto dell'assetto istituzionale all'interno della neo Macroregione adriatica.

LE MARCHE DELLE AREE INTERNE E MONTANE

Per un rilancio sociale, economico e culturale dei territori marginalizzati

Le aree interne possono dare un contributo importante al rilancio economico e sociale del Paese. Soprattutto in questo momento in cui sono scomparse le province dobbiamo prenderci cura di questi territori. Servizi, investimenti, sanità, istruzione e trasporti e strade devono essere garantiti e messi a sistema per la crescita dell’intera comunità marchigiana.

Trascurare ulteriormente le profonde difficoltà presenti - a fronte delle potenzialità future delle aree interne e montane - sarebbe un vero e proprio fallimento politico, sociale, economico e culturale. Su queste quattro direttrici si gioca infatti il rilancio di territori per troppo tempo marginalizzati e spopolati, quando invece avrebbero potuto esprimere fiorenti comunità sia rispetto a sé stesse, sia a beneficio dell’intera regione. Fondamentale per questo sarà la riorganizzazione delle istituzioni locali a partire dal  nuovo ruolo delle Unioni montane, fondamentale elemento aggregatore dell'entroterra marchigiano, come pure l'incentivazione alle fusioni e alle Unioni dei Comuni.

Gli ambiti omogenei e le aggregazioni da un lato, gli investimenti pubblici e l'incoraggiamento agli investimenti privati, dall'altro, privati dovranno dunque essere il filo conduttore dell'impegno della prossima legislatura regionale.    

Iniziare dalla garanzia dei servizi e da capillari infrastrutture materiali e immateriali

Servizi essenziali come l’istruzione e la sanità, e infrastrutture altrettanto necessarie come i trasporti, le strade, le reti di connessione virtuale sono le condizioni indispensabili per evitare l’ulteriore riduzione demografica dei territori. Piuttosto, disporre di questi servizi servirebbe a richiamare flussi di popolazione nuova o di ritorno, come presupposto di rinascita e di rilancio. Quelle sparute tribù che hanno scelto di restare in queste aree e quei piccoli manipoli di persone che hanno scelto di allontanarsi dai grandi centri per aprire attività di antica radice nelle nostre bellissime località interne, sono semi che vanno coltivati come inizio di nuove opportunità che il prossimo governo delle Marche dovrà tutelare. Per fare questo c’è una sola strada da percorrere: offrire loro nuovi e concreti motivi per restare e far restare i propri figli: servizi ben organizzati e stabili e infrastrutture degne di una regione vicina a tutte le cittadinanze, anche a quelle geograficamente più lontane dalle aree urbane e dai centri più popolosi.

Piccole economie crescono

Con i suoi straordinari bacini ambientali e storico-culturali, le Marche hanno assi vincenti da giocare. L’intero territorio regionale sta acquisendo una crescente notorietà, in particolar modo le aree interne, veri e propri tesori prima nascosti e oggi attrattivi di flussi turistici nazionali e internazionali. Difendere l’integrità del suolo e incentivare le attività ad esso legate diventano dunque una priorità. Sull’intera dorsale appenninica e pedemontana della nostra regione sono nate e stanno nascendo piccole e grandi realtà legate all’agricoltura delle biodiversità, all’enologia, all’ospitalità. Realtà, queste, che hanno tutte le caratteristiche di qualità, passione, singolarità a cui ci candidiamo a dare, con spirito di metodo e innovazione, carattere di durata, di sedimentazione, di progressivo sviluppo e crescita. Innestare in questo cosmo in formazione una programmazione di sistema, di servizi, di infrastrutture significa ottenere fondi europei e incentivare investimenti. Tutto questo, con il chiaro intento di creare una promettente economia che necessariamente si rifletterà sul benessere delle comunità e sul richiamo di un turismo colto e selezionato, calibrato sulle culture e sulla qualità della nostra offerta.

Una, dieci, cento culture da proteggere e valorizzare

I borghi antichi, i piccoli teatri, i luoghi di culto, le tradizioni, le commemorazioni storiche sono un firmamento di culture che illumina le Marche. Non osservare questo cielo o esserne indifferenti comporterebbe privare le aree interne e montane della nostra regione di un ulteriore germe di crescita. A costo di ripetersi, l’orizzonte a cui guardare è sempre e soltanto uno: la visione d’insieme. L’Amministrazione regionale dovrà farsi carico e onore di un cambiamento che a partire dal suo interno (dalla riorganizzazione stessa della propria struttura), sia in grado di contagiare l’intera geografia del territorio e delle comunità che ne fanno parte, per cucire su una nuova mappa le affinità che l’attraversano. Compito della Regione sarà quello di armonizzare competenze e obiettivi, identità e collaborazioni, strategie e programmazione Fondamentale  come strumenti finalmente in grado di ridare anche alle aree interne e montane la dignità di sentirsi protagoniste di un progetto unitario in cui vale la pena mettere energia, consapevolezza, voglia di emergere.

LE MARCHE DEI SERVIZI DIGITALI

Un agenda digitale per una regione all'avanguardia

Vogliamo che  le Marche diventino  protagoniste dei moderni processi di innovazione che si fondano sull’impiego di tecnologie e strumentazioni digitali per metterli al servizio dello sviluppo della nostra regione. Si tratta di cambiare e innovare facendo si  che nella prossima legislatura si possa attuare un’evoluzione che porti la Regione dall’attuale stato, tra le regioni meno strutturate e servite, a essere tra i primi posti nell'economia digitale e i servizi digitali.

Serve per questo una Pianificazione strategica, l' Agenda digitale regionale che avrà come modello l’Agenda digitale europea. Il documento, approvato dalla Commissione europea, si pone diversi obiettivi da realizzare entro il 2020: tra questi la banda ultralarga, l'investimento in ricerca e innovazione, l' inclusione nel mondo digitale.

Sono questi gli obiettivi da perseguire per i prossimi 5 anni, fino al 2020, con un forte ricorso ai fondi strutturali europei, fino ad ora non adeguatamente utilizzati.

Verso il modello dell’Agenda digitale Europea

L’Agenda digitale regionaleche andremo a costruire sarà articolata nei seguenti macro obiettivi:

  1. Banda digitale ultra larga e reti di nuova generazione (NGN)

E’ al primo posto delle necessità, indispensabile per l’attuazione degli altri punti dell’Agenda. Questi i risultati  che si  dovranno conseguire:

  1. Copertura con larga banda di base del 100 per cento della popolazione della regione entro il 2016 ( l' Agenda digitale europea impone il 2013)
  2. Copertura con banda larga pari o superiore a 30 Mps per il 100 per cento della popolazione marchigiana entro il 2020.
  3.  Sottoscrizione abbonamenti con velocità superiore a 100 Mbps, entro il 2020 per il 40 per cento degli utenti domestici

A livello infrastrutturale di telecomunicazioni i risultati che vogliamo  raggiungere saranno:

  1. Città capoluogo di provincia collegate in FTTH ( Fibra fino alle unità immobiliari), ovvero: Ancona, Pesaro, Urbino, Macerata, Ascoli Piceno, Fermo, Fabriano (distretto industriale)
  2. Città importanti e distretti industriali con DSL e copertura in FTTCabinet  integrato con soluzioni di rete di nuova generazione (baste su Ip). A titolo d'esempio : distretto del mobile, distretto del calzaturiero; città come Civitanova Marche, Fano, Jesi, Porto Sant’Elpidio, San Benedetto, Senigallia.
  3. Le restanti cittadine e paesi andranno strutturate con soluzioni  DSL e copertura FTTCabinet;

 

  1. 1.             Servizi pubblici

Se il servizio più importante che la Regione gestisce è quello sanitario, vogliamo che l’innovazione informatica porti grandi miglioramenti nei servizi sanitari  forniti ai cittadini. Utilizzando sistemi Cloud per l’archiviazione dei dati si dovrà creare un data warehouse unico, centralizzato per le informazioni sanitarie, con anagrafiche dei cittadini residenti, aggiornate e certificate.

Dovranno inoltre essere sviluppati sistemi per fornire ai Comuni  soluzioni per il disaster  ricovery e più in generale per la conservazione dei documenti digitali delle pubbliche amministrazioni. Così la diffusione dell’impiego di tecnologie informatiche open source  diventerà realtà anche per i piccoli Comuni, con il supporto di un apposito servizio fornito dalla Regione, come già realizzato in altre realtà territoriali.

  1. 2.             Supporto alle piccole e medie imprese

Per tenere il passo con il mondo, punteremo alla creazione di un Data center unico regionale per fornire un supporto  al sistema produttivo. Renderemo disponibili e fruibili in formato open data i dati delle pubbliche amministrazioni, per rendere disponibili applicativi, gestionali, , commerciali e soluzioni di e-commerce. A questo proposito creeremo un' infrastruttura per il disaster recovery anche per il sistema delle Pmi.

  1. 3.             Smart city regionale

Per valorizzare e mettere in relazione il patrimonio di talenti e conoscenze che il territorio già esprime all’interno di un ecosistema regionale di innovazione, non possiamo certo rinunciare, attraverso l’agenda digitale, a sviluppare programmi di digitalizzazione della pubblica amministrazione e di infrastrutturazione telematica, coinvolgendo attivamente cittadini e imprese  in questo percorso. 

Marche,  Regione sostenibile

Non ci potrà essere ripresa economica senza la piena consapevolezza del valore del  nostro paesaggio, la necessità di investire su un'urgente opera pubblica che si chiama  difesa del suolo e se non contrastiamo le cause  che determinano il cambiamento climatico: l'innalzamento del mare e l'impoverimento delle fonti di approvvigionamento idrico.

Serve per questo una strategia unitaria. 

Se le Marche sono la seconda regione italiana nell'industria "verde", dalle energie rinnovabili alle start-up tecnologiche, gli obiettivi di sostenibilità ambientale andranno comunque rivisti. Concretamente e operativamente. Per fare un esempio: un caro prezzo stanno pagando  il  paesaggio e le filiere agricole per i  troppi impianti fotovoltaici "a terra" sulle campagne.

Ambientee “green economy sono termini a volte abusati, altre  volte foglia di fico per interessi più economici che ambientali. Ne sono esempio i tanti contenziosi in atto (uno per tutti: la partita del biogas) che testimoniano come i buoni intenti e le pratiche autorizzative abbiano camminato su binari molto  divergenti.

Le Marche sono fatte di ambiente, paesaggio, agricoltura e turismo: servono progetti e azioni concrete per sviluppare questa vocazione che, insieme ai nostri beni culturali e artistici, deve diventare anche industria ed economia primaria di un' intera regione.

Costruire sul costruito e recuperare le aree industriali dismesse

Accanto a ciò, estrema attenzione dovremo rivolgere al "consumo del suolo": perchè il suolo è paesaggio. Le nostre programmazioni si dovranno dunque avvalere di strumenti urbanistici indirizzati più al recupero e alla riqualificazione che all'impermeabilizzazione di ulteriore territorio.

"Costruire sul costruito", riqualificare l'esistente, edificare in sostituzione: queste sono le linee per dare risposte di rilancio dell'economia legata all'edilizia e per avere un patrimonio abitativo in regola con la sicurezza, il consumo energetico e la bellezza.

Bisogna per questo puntare con determinazione anche alla bonifica dei siti industriali dismessi che creano vuoti urbani recepite dalla popolazione come zone degradate e pericolose per la salute. L'obiettivo che ci dobbiamo proporre è quello  del loro  recupero, per restituirle ad usi diversi per la città, per ricucire il tessuto urbano  e garantire il miglioramento qualitativo della vita.

Se vogliamo dare soluzioni  efficaci alla nostra realtà territoriale ed economica, maggior autonomia urbanistica dovranno avere i Comuni, all'interno di regole generali che nulla dovranno lasciare  all’improvvisazione  e alla discrezionalità di operazioni che hanno a volte causato o grandi incompiute o saccheggio paesaggistico dei nostri territori.

Inoltre la nuova proposta di legge urbanistica, che punta alla tutela del consumo del territorio e incentiva la riqualificazione del patrimonio edilizio esistete, va nella direzione auspicata. Tuttavia riteniamo che vada resa più snella per semplificare le procedure e i passaggi fra gli enti e all'interno dei consigli comunali.

Le aree protette una grande risorsa economica

Le aree protette, parchi e riserve, rappresentano non solo un "salvadanaio" della nostra biodiversità, ma anche una grande risorsa economica, occupazionale  e di sviluppo territoriale: non si metterà in discussione l'esistente, ma si dovrà ragionare sullo sviluppo, anche "a mare", delle tutele delle nostre eccellenze. Costa, montagna, mare e collina fanno infatti parte di un tutt'uno paesaggistico, ambientale e turistico-culturale: non tessere di un puzzle ma vera rappresentazione di identità territoriale. Sarà fondamentale dunque recuperare le aree protette di particolare interesse.

Le Marche regione produttrice di energia, ora serve una pianificazione

Siamo passati da regione consumatrice di energia a regione produttrice. E non per la costruzione di nuove e grandi centrali, giustamente avversate dai sindaci e dai cittadini,  bensì per la produzione - fotovoltaica e idroelettrica - e per la riduzione dei consumi di energia.

Ma altro dovrà essere messo in campo. Soprattutto  sul potenziamento del trasporto pubblico locale, della mobilità elettrica e condivisa e sulle forme di autoconsumo da fonti rinnovabili: il

fotovoltaico integrato sugli edifici, gli  impianti a biomasse di origine agroforestale e da trattamento della frazione organica dei rifiuti, il  mini eolico e idroelettrico, le pompe di calore e il solare termico.

Produzione di energia e rifiuti: due tematiche  strettamente collegate.

I rifiuti dobbiamo considerarli non  un onere  a carico dei cittadini ma come risorsa. Ilsistema di gestione e raccolta con il metodo “porta a porta” haproiettato la maggior parte del territorio regionale verso la parte alta della classifica italiana e al pari con i paesi europei maggiormente attenti all'ambiente. Confermiamo per questo la scelta di rinunciare all'onere degli impianti di  incenerimento per  sviluppare politiche, anche premiali, a favore del riciclo, recupero e riuso.

Su questa strada, coinvolgeremo sindaci, cittadini e associazioni, affiancando le  nuove Province nella  definizione di buoni percorsi che rischierebbero altrimenti di segnare il passo. 

Cambiamento e innovazione per la mobilità

La nostra regione non eccelle nelle classifiche della qualità dell'aria. Non solo per la particolare conformazione demo-orografica  ma ancor più a causa di un sistema trasportistico inefficiente e con elevate  emissioni. Se la mobilità individuale con l'automobile di proprietà è oggi "obbligata" per una larga fetta di cittadini residenti  fuori della fascia costiera, l’uso dei mezzi pubblici è   però disincentivato  per scarsa   frequenza e  la pedonalità/ciclabilità delle città per insufficienti percorsi dedicati. 

Dobbiamo dare centralità a queste tematiche introducendo cambiamento e innovazione nelle  politiche regionali di mobilità ambientalmente e socialmente sostenibili.

Molto dovremo  lavorare anche sul trasporto ferroviario marchigiano: poco si è fatto verso il "quasi" unico concessionario al quale è stato affidato il servizio in termini di frequenza e qualità. Altrettanto poco riguardo lo spostamento del traffico  merci dalla gomma alla rotaia. Porti, aeroporti, ferrovie e rete stradale dovranno trovare il giusto dosaggio di utilizzo se vogliamo  dare una risposta anche in termini di ambiente e di salute dei cittadini.

Ricostruire la filiera per l’agricoltura sostenibile

Lavoreremo molto per ricostruire l'intera filiera primaria: l'agricoltura sostenibile e il giusto compenso ai produttori, il commercio equo-solidale, l'autoproduzione e le politiche di contrasto allo spreco alimentare. Non si tratta di appelli teorici ma di attuare misure per la semplificazione delle procedure di accesso ai finanziamenti del Psr  ripensando un intero sistema che vede, da un lato, la diminuzione degli agricoltori storici per scarsa redditività  dell'attività e dall'altro l'accesso alla "terra" da parte di una nuova generazione di imprenditori agricoli, giovani, acculturati, preparati e decisi a reinterpretare quella che è la "radice" dei marchigiani: la terra.

Le Marche dell’agricoltura

Nuovi percorsi di qualità e di presidio del territorio

L'obiettivo politico principale è quello di innalzare l'intero sistema agricolo regionale verso il recupero di competitività.

L'agricoltura marchigiana vive una crisi strutturale molto profonda. Le aziende agricole hanno infatti una dimensione economica media inadeguata, un'età dei conduttori piuttosto elevata; una spinta alla semplificazione colturale verso prodotti a basso valore aggiunto. Pur in attivo con la bilancia commerciale del settore agricolo i nostri prodotti troppo spesso sono lavorati fuori Regione e il relativo valore aggiunto resta oltre i nostri confini. Dunque, evidenzia una scarsa capacità di reazione alle nuove sollecitazioni che la globalizzazione e la crisi hanno imposto.

Le aziende agricole marchigiane devono dunque fare reddito con scelte strategiche di riorientamento al mercato, attraverso nuove relazioni di filiera e percorsi di qualità utili a portarle su nuovi canali commerciali declinando in maniera diffusa il tema della sostenibilità economica, sociale ed ambientale.

Pianificazione e strategia per fare sviluppo e occupazione

Oggi siamo pochi conosciuti sul mercato. Le azioni di  promozione sono state finora poco efficaci nonostante le ottime caratteristiche qualitative delle nostre produzioni.

Certo non tutte le aziende possono intraprendere questa strada. Quelle più piccole, con conduttori anziani senza ricambio generazionale, scarsamente specializzate e spesso collocate in territori con svantaggi naturali, difficilmente possono imboccare la strada che può trasformarle in imprese. Per tali imprese, l'obiettivo della Regione deve essere quello di tutelare il loro ruolo di presidio attivo del territorio, la loro strategica funzione ambientale e il prezioso contributo sociale offerto alla comunità, è necessario dunque sensibilizzare gli agricoltori verso l’adozione di strategie di aggregazione.

Bisogna, quindi, utilizzare il Programma di sviluppo rurale con maggior efficacia attraverso una più accentuata selettività degli interventi programmati promuovendo un modello agricolo ecosostenibile, che sappia fare sistema a livello regionale, orientato al mercato, producendo prodotti agroalimentari di qualità e/o servizi alla comunità locale.

Semplificazione la parola d’ordine

Serve, inoltre, una spinta alla semplificazione burocratica che rappresenta il vero collo di bottiglia di tutto il sistema, strozza le iniziative commerciali, rappresenta un costo netto sempre più insostenibile, limita l’utilizzo dei fondi europei; il ricorso ad una adeguata sussidiarietà orizzontale.

Gli interventi vanno in definitiva concentrati sul ricambio generazionale; su azioni di ricomposizione fondiaria, aumentando la maglia poderale; su un maggior orientamento al mercato e capacità di penetrazione commerciale; sull'aggregazione dei soggetti e degli interventi.

Le aziende agricole possono far reddito migliorando la relazione con il territorio di riferimento, puntando alle opportunità connesse alla multifunzionalità, come ad esempio l’agricoltura sociale. Possono diventare imprese importanti che guardano al mercato nazionale o anche internazionale avvalendosi di una politica tesa ad incrementare gli investimenti. Possono rimanere sul territorio a salvaguardia del suolo, del paesaggio e dell'aria che respiriamo attraverso il sostegno di tutta la collettività. Significativo da questo punto di vista dovrà essere il ruolo dell’agricoltura biologica, come strumento strategico di crescita, in grado di incentivare l’occupazione, la qualità del settore agroalimentare e migliorare ulteriormente il bel paesaggio rurale della nostra regione.

Le Marche della cooperazione 

La cooperazione punto di forza per lo sviluppo e la partecipazione della Comunità regionale

Il nostro obiettivo è quello di migliorare i servizi e la cooperazione non può che essere un punto determinante del nostro programma. Investire nello sviluppo della cooperazione, significa credere che la soluzione ai problemi sia quella tracciata da donne e uomini che assieme lavorano per uno sviluppo sostenibile e partecipato.

La cooperazione è fondata sulla convinzione che in ogni città e comunità, le soluzioni ai problemi del lavoro, del credito, dell'instabilità familiare e del rispetto di sé sono nelle mani dei cittadini. Per questo,

sostenere la cooperazione significa contribuire a far crescere un mercato sano e plurale, in sintonia con una società giusta, pulita, attraverso una forma d’impresa democratica, equilibrata, competitiva.

La Regione Marche può accompagnare questo slancio attraverso una serie di proposte concrete:

  • Un Assessorato alla cooperazione con orizzonte di legislatura, affiancato da un ufficio cooperazione adeguato.
    • Investimento nella forma cooperativa come attore terzo tra pubblico e privato per la gestione dei beni comuni a vantaggio delle comunità locali.
    • Revisione della legge 5 del 2003, lasciando la possibilità di scelte strategiche per la migliore allocazione delle risorse in base a obiettivi condivisi.
    • Sostegno alla legge regionale 34/2001 per le cooperative sociali d’inserimento lavorativo, alla legge 7/2005 per la cooperazione agricola e 25/2009 per le cooperative di lavoratori da aziende in crisi.
    • Impegno di risorse nel sostegno degli strumenti di garanzia (Confidicoop) e finanza (Coopinvest), all’interno di un percorso che, trasformandoli in seguito alle mutate realtà economiche, li renda sempre più efficaci.
    • Attenzione particolare alla forma cooperativa per le misure dei fondi strutturali europei, compresa la progettazione strategica Macroregione Adriatico Ionica.
    • Impegno alla salvaguardia delle condizioni di la­voro, contrastando il lavoro irregolare e l’illegalità nel rispetto dei contratti collettivi sottoscritti dalle organizzazioni comparativamente più rappresentative.

Una nuova legislazione per valorizzare gli appalti pubblici e una sana occupazione

Va realizzata, inoltre, una legislazione che valorizzi gli appalti pubblici un sistema sempre più semplice e trasparente, con l’obiettivo di aumentare il benessere e ridurre al minimo i rischi di degenerazione. Non più appalti che determinano condizioni di precarietà del lavoro o producono opere e servizi scadenti! E’ tempo di innovare gli indirizzi delle gare e di valutare attentamente i concorrenti, come previsto dalla nuova direttiva Europea e abbandonando definitivamente la logica del massimo ribasso, orientando il potere d’acquisto delle pubbliche amministrazioni verso la promozione della buona occupazione, della salute pubblica, dell’inclusione e delle migliori condizioni sociali. All’interno di questo orizzonte è giunto il tempo di non mettere più all’asta disabili, bambini e anziani per passare a un sistema di accreditamento che garantisca servizi di qualità ai cittadini più deboli e lavoro qualificato agli operatori. Abbandonare la pratica degli appalti nei servizi di welfare significa rendere giustizia a progetti che istituiscono comunità capaci di accogliere e trasformare i bisogni per realizzare coesione sociale. 

  1. LE MARCHE IN SALUTE

Il diritto alla salute è sancito dalla nostra Costituzione. Il diritto alle cure deve è l’obiettivo primario a cui  dobbiamo tendere. Non è un caso che proprio per la sanità si impegnano il 90 per cento delle risorse del bilancio regionale. Non si può solo avere i conti in regola se poi i cittadini per curarsi devono andare in un'altra regione. Non si possono solo avere i conti in regola se per una esame diagnostico si deve aspettare un anno. La nostra priorità è il bene della comunità, insieme ai conti in ordine.

Il sistema sanitario regionale attuale è il risultato di una lunga stagione di non scelte, assecondando  richieste che non parlavano di salute ma di difese di un campanile o di interessi particolari in luogo del bene comune. Lo abbiamo tutti davanti agli occhi.

Noi vogliamo promuovere una stagione di nuove politiche, ripartendo da pochi e chiari obiettivi, realizzabili in tempi certi e sostenibili economicamente che mettano al centro il cittadino e i suoi bisogni di salute.

La partecipazione e l’assemblea dei sindaci

Al centro dell’agire politico la partecipazione e la trasparenza nelle scelte. Per raggiungere l’obiettivo e compiere il salto di qualità a cui aspiriamo, il coinvolgimento dei territori sarà la parte centrale del nostro governo. In particolare l’assemblea dei sindaci, non sarà, come è successo in questi anni, il luogo di una mera consultazione formale, ma un momento di reale confronto per rendere gli amministratori protagonisti delle scelte. Attraverso la trasparenza dei contenuti e dei progetti restituiremo ai sindaci e alle comunità il protagonismo nelle decisioni che riguardano i bisogni di salute dei marchigiani.

Superare il dualismo ospedale territorio

Va per questo ripensata l’offerta sanitaria per livelli di complessità, sottostando a principi fondamentali: l’equità distributiva, l’accessibilità,  la presa in carico del paziente.

Ma è necessario un cambiamento di paradigma. Solo così possiamo approcciare ai problemi ricorrenti e ormai cronicizzati ( tempi d’attesa , mobilità passiva, accessi impropri ai pronto soccorso) passando da interventi puntuali e poco risolutivi a interventi sistemici.

Ecco che la parola “rete”, ritorna ad avere un nuovo significato se  declinata  a tutto campo  (non   come rete ospedaliera o  territoriale che pecca di dualità e  separatezza) ma  come rete “di presa in carico e di continuità” con l’obiettivo di guidare e sostenere il cittadino nelle vari dimensione sanitarie a partire dalla prevenzione e passando per la cura  e il mantenimento. 

La sfida centrale:  la “cronicità”

Questo problema va aggredito. E' la vera sfida e ogni sforzo organizzativo deve essere rivolto per sostenere le fragilità attraverso:

-       Progetti di  prevenzione secondaria e  terziaria per il mantenimento delle abilità psico-motorie

-       Progetti di presa in carico /continuità di cura ripensando   l’offerta dei setting assistenziale extraospedalieri  nella dimensione  domiciliare, semiresidenziale e  residenziale

-       Ripensando  l’offerta del setting assistenziale ospedaliero

Senza una risposta adeguata ci ritroveremo come oggi di fronte a pazienti cronici che sono costretti a rivolgersi alle strutture ospedalieri per acuti, ai pronto soccorso e alla sanità privata dentro e fuori regione, con costi enormi, disagi e disservizi dell'intero sistema.

La risposta giusta al momento giusto

Per molti anni, il dibattito sulla salute si è concentrato sugli aspetti organizzativi della sanità e non sulle risposte giuste da offrire al momento giusto ai cittadini che hanno una domanda di salute

L’abitudine organizzativa di mettere sempre al centro la parte strutturale   sia  ospedaliera  sia territoriale, focalizza ed enfatizza il mantenimento degli assetti già conosciuti, ovvero di aree specialistiche, spesso al di sotto dei livelli standard di qualità, efficienza e sicurezza. Senza  un chiaro progetto assistenziale non si può pensare che la semplice presenza di strutture, scollegate a dei bisogni reali, dia risposte ai bisogni.

Occorre  cambiare il punto di osservazione. E' necessario che le organizzazioni recuperino finalmente il proprio mandato. Nel momento in cui, si manifesti la problematica di salute  che deve attivarsi in modo automatico  la presa in carico globale del paziente: la continuità assistenziale, che deve prevedere per le varie tipologie cliniche a maggior impatto sociale percorsi diagnostici terapeutici assistenziali,  ovvero  una modalità di riposta organizzata tra i vari livelli (territoriali e ospedalieri) che dia garanzie  alla persona, della risposta giusta al momento giusto, senza l’ansia della ricerca solitaria, e dall’altra definisca senza chiari e scuri per le organizzazioni.

Una nuova governance

Auspichiamo per questo un forte patto tra le istituzioni che gravano sul territorio per il miglioramento complessivo della risposta al  singolo bisogno, in una logica non solo sanitaria-sanitaria ma anche socio-sanitario.

Ospedali

Altro aspetto per noi qualificante nell’ambito sanitario riguarda la presenza di un livello ospedaliero efficiente: un ospedale che per caratteristiche strutturali impiantistiche e  tecnologiche, attraverso una organizzazione per  intensità di cura, possa finalmente rispondere in modo efficace e qualitativo alla fase acuta e sub-acuta della malattia e per un bacino di utenza  definito e sostenibile. L’obiettivo che noi ci proponiamo è quello di garantire uniformi livelli essenziali di assistenza, LEA, nel rispetto dei parametri indicati dal patto per la salute 2014-2016 per l’assistenza ospedaliera.

Di grande importanza nell'individuazione della rete ospedaliera è risolvere il problema della percorrenza nei casi di vera urgenza cosi come indicato in tutta la letteratura scientifica che dimostra l’importanza del ridurre la “ free therapy interval” cioè l'intervallo di tempo libero da trattamento, dal momento in cui si verifica l'evento.

Territorio

Per questo punteremo a un'organizzazione territoriale  in grado di prendersi carico della  persona attraverso la definizione di un progetto individualizzato integrato, con lo scopo finale di trasferirlo  in sicurezza  sia a livello domiciliare (necessità di revisionare tale livello per ridefinirlo e potenziarlo implementando la connotazione socio-sanitaria) sia a livello semiresidenziale potenziando le aree per i disturbi cognitivi (demenze) sia residenziale (RSA) ricordando che questo livello ha un obiettivo di stabilizzazione post ospedaliera e quindi di ricovero transitorio. Ecco che si ripropone il problema del “dopo”, ovvero un domicilio con elevata cura parentale  o in alternativa la residenza protetta/casa di riposo.

La Casa della salute

Sull’esistente si innesta la nuova struttura, la Casa della Salute, che dovrà modularsi su tre livelli: tipo A ( cure integrate per un massimo di 12ore al giorno) tipo B (cure integrate e residenzialità con la possibilità di avere una operatività su 24 ore) tipo C  (struttura ad alta complessità e organizzata su  24 ore)  implementando le risposte per i bisogni più o meno emergenti.

La riflessione che si può fare su questa nuova e importante opportunità organizzativa è che pur derivando dalla riconversione dei piccoli ospedali non dovrà ricalcare un'organizzazione ospedaliera né essere dimensionata a livello di poliambulatorio specialistico.

Quel che ribadiamo è la progettualità di presa in carico della persona che va dalla prevenzione alla cura, attraverso il mantenimento e la riabilitazione, ovvero una risposta  assistenziale nella sua massima eccezione  di tipo medico e infermieristico attraverso un modello  “di prossimità e di iniziativa “.  Una prassi organizzativa, pro- attiva  nei confronti dei cittadini che non si esaurisce  all’interno delle mura ma che si articola in modo dinamico attraverso tutte le potenzialità presenti nel territorio.

Investimenti in strutture ospedaliere

La regione negli ultimi anni ha assunto un importante impegno finalizzato a realizzare ex novo infrastrutture ospedaliere fondamentali: Fermo, INRCA – Osimo, il Salesi, Marche Nord, Marche Sud. Alle parole fino ad oggi, non sono seguiti i fatti. Le difficoltà finanziarie, aumentate con gli ultimi tagli con la legge di Stabilità, rendono oggi questo obiettivo ancora più difficile da realizzare. Vogliamo comunque rinnovare questo impegno in ragione del valore per le comunità locali e per l'intero disegno di salute regionale di queste importanti realizzazioni. Lo faremo con trasparenza, coinvolgendo i territori interessati, utilizzando ogni strumento utile al raggiungimento dell'obiettivo.

Un modo di governare che supererà le diffidenze nate in questi anni tra l'amministrazione regionale e quelle locali. 

LE MARCHE DELLO SPORT

La promozione sportiva un'opportunità per la nostra comunità

Il nostro obiettivo è migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini. Lo sport e la promozione sportiva rappresenteranno un aspetto fondamentale delle politiche governative della regione perché ha incidenza per le famiglie e per il sistema educativo, per il sistema sanitario, per la vocazione turistica, per una vera educazione sportiva.

Nella nostra regione abbiamo una presenza molto radicata delle associazioni sportive con 5400 società iscritte al registro Coni e  130 mila addetti tra atleti , tecnici giudici e dirigenti sportivi.

Un  movimento sportivo che rappresenta il più rilevante  gruppo organizzato di volontariato delle regione . Dobbiamo saper valorizzare e rendere partecipe e protagonista  questo mondo utilizzando le competenze , le esperienze e lo spirito di sacrificio di coloro che operano per lo sport.

Una regione, la nostra, con grandi risultati sportivi: dalle 10 medaglie olimpiche portate a casa dalle olimpiadi e paralimpiadi di Londra del 2012 ai grandi risultati negli sport di squadra del volley, del basket, del calcio , della ginnastica.

Grazie agli eventi e alle manifestazioni sportive lo sport rappresenta un aspetto importante anche per il turismo. Più del 10% del flusso turistico viene generato e promosso dallo sport costituendo un grande valore aggiunto per lo sviluppo economico e di promozione del territorio.

Nella modifica del titolo V della costituzione la materia dello sport rimane come materia assegnata alle Regioni .

Ecco allora che la prossima legislatura regionale dovrà intervenire su questa materia e dopo l'approvazione della legge sullo sport nel 2012,  è importante riempirla di contenuti e di adeguate risorse per realizzare quanto enunciato.

Il primo obiettivo della  Regione dovrà dunque essere quello di coinvolgere nella programmazione tutto il mondo sportivo: dal Coni , alle federazioni , agli enti di promozione, alle discipline sportive; così come vanno coinvolti i Comuni come riferimento per le attività , per le manifestazioni e per gli impianti.

I nostri obiettivi

Censimento degli impianti sportivi. Va completato il censimento in tutta la regione , coinvolgendo i Comuni per  arrivare  a predisporre il Prg dello sport  su scala provinciale .

Va attuato un protocollo con gli istituti di credito a partire dall' istituto di credito sportivo per favorire gli interventi prevedendo finanziamenti in conto interessi e quota capitale .

Vanno favorite operazioni di project finacing  che possano portare anche investimenti privati per migliorare la dotazione infrastrutturale .

Va promossa l'attività motoria per tutte le fasce di popolazione,  coinvolgendo le associazioni sportive nella realizzazione dei progetti e favorendo lo sport per tutti.

Prioritario deve essere l'investimento a favore della promozione dell'attività motoria all'interno della scuola primaria , d'intesa tra il ministero dell'istruzione e del Coni, affinché  i nostri ragazzi possono svolgere la pratica sportiva a partire dalla scuola primaria.

Dobbiamo inoltre promuovere lo sport per i diversamente abili prevedendo risorse adeguate.

 Sono più di 1500 i ragazzi tesserati con più di trenta società sportive iscritte al Cip che rappresentano un valore aggiunto come momento di integrazione e  riabilitazione .

Va previsto un accordo quadro con le quattro università marchigiane per potenziare  gli impianti sportivi, favorendo le convenzioni con i Comuni , per estendere la promozione sportiva tra gli studenti universitari. Analogo accordo va realizzato tra Regione , Coni , Cip , Ufficio scolastico regionale per coordinare l'avvio dei sette licei scientifici a indirizzo sportivo.

Fondi strutturali europei 2014-2020: la Regione Marche dovrà mettere adeguata attenzione per presentare progetti che inseriscano a pieno titolo le politiche di promozione alla salute, allo sport , alla formazione  e alla riqualificazione delle città nelle azioni da presentare per accedere ai fondi strutturali.

Prevenzione e tutela sanitaria .

Va garantita a tutti i giovani sportivi under 18 la gratuita della visita sportiva per attività agonistica , così come prevedono le leggi regionale e nazionale dello sport.

Oggi non è così : nel 2014 nella nostra regione ben 14370 ragazzi under 18  hanno fatto la visita per idoneità sportiva per attività agonistica nei centri di medicina privata pagando la visita,  visto che i centri di medicina dello sport dell'Asur e i centri privati convenzionati con il servizio sanitario regionale hanno lunghe liste di attesa .

Non si può far pagare questa tassa sullo sport alle famiglie.

Defibrillatori. A fine anno entrerà in vigore la legge Balduzzi che prevede , in ogni impianto, la presenza del defibrillatore .

Con le società sportive va previsto la possibilità di un cofinanziamento per l'acquisto dello strumento salvavita , così come vanno favoriti  i corsi di formazione per l'uso degli stessi.

Piano della prevenzione

La regione ha recentemente recepito il piano nazionale della prevenzione 2014-2018

Tenuto conto che viviamo in una delle regioni più longeve d Italia dobbiamo lavorare per favorire progetti e iniziative a favore della promozione della pratica sportiva  per combattere la sedentarietà , le dipendenze , per una sana alimentazione e per corretti stili di vita . Ovviamente per tutte le fasce di popolazione.

All'interno del piano è inserita un'azione specifica rivolta alla promozione dello sport.

Una quota dovrà essere destinata direttamente per la promozione dello sport .

LE MARCHE DEL DIRITTO ALLO STUDIO E DELLE UNIVERSITA’

La regione del diritto allo studio universitario

Un paese per essere competitivo deve far crescere, educare e istruire i suoi giovani. Garantire il diritto allo studio è la priorità per una comunità che vuole garantire un futuro alle giovani generazioni e all’intero territorio. Le Marche dovranno essere la regione delle pari opportunità per tutti. Investire nello sviluppo del capitale umano significa  rafforzare la dotazione delle conoscenze che è un fattore fondamentale per uscire dalla crisi e  sostenere la competitività delle Marche per questo la Regione porrà grande attenzione alle politiche del diritto allo studio e significa anche valorizzare e promuovere gli atenei marchigiani e gli istituti tecnici di eccellenza sparsi sul territorio regionale.

Per fare ciò è opportuno aprire un tavolo di confronto e di ascolto del territorio che veda coinvolto tutto il sistema universitario per uscire dallo stallo nel quale oggi si trova il nostro sistema regionale organizzato intorno ad una legge del '86 che ormai necessita di una revisione profonda.

E’ necessario  quindi  avere  una visione di prospettiva capace di coniugare i programmi di sviluppo delle Università marchigiane con le politiche  di  gestione  del  il diritto allo studio degli  enti (ERSU). Gli studenti universitari marchigiani iscritti, ai quattro atenei, sono circa cinquantaduemila e di questi una gran parte proviene da fuori regione. Ciò è frutto sia della qualità del sistema universitario sia della capacità attrattiva fornita dalla qualità dei servizi erogata.

Gestione dei servizi dedicati agli studenti

I posti letto gestiti dagli ERSU offerti agli studenti sono 3400  ponendo la Regione Marche ai primi posti a livello nazionale nell’offerta di posti letto pubblici. Questo è un grande punto di forza che deve essere assolutamente difeso e sviluppato perchè la necessità di avere un sistema di accoglienza di qualità è condizione imprescindibile per garantire il diritto allo studio. Per fare questo riteniamo opportuno, da un lato,  individuare le risorse   per  garantire a tutti gli studenti,  meritevoli e bisognosi, la borsa di studio: la nostra  strategia  punta pertanto sull’integrazione dei sistemi e delle procedure per la concessione dei benefici, favorendo una razionalizzazione della spesa e un’estensione dei potenziali beneficiari.

 Dall’altro, mettendo in atto  un piano coordinato che  intervenga sulle residenze universitarie  per adeguarle sia sul piano della sicurezza  sia sul loro ammodernamento funzionale  calibrando l’offerta di posti letto in base alle esigenze reali per ogni singola università anche alla luce delle politiche di internazionalizzazione.  Obiettivo che si vuole perseguire anche attraverso una gestione ancora più efficiente dei servizi destinati agli studenti. Particolare attenzione sarà sviluppata  per stabilire i criteri per l’assegnazione degli stanziamenti statali e regionali destinati alle borse di studio universitarie,   agli investimenti, ai  contributi per la mobilità internazionale degli studenti e  quelli a favore dei diversamente abili ( per citare i più significativi). E poi serve  la riqualificazione della spesa per il diritto allo studio universitario  affinché a tutti gli studenti possa essere garantita,  indistintamente, l’opportunità di raggiungere i gradi più elevati dell’istruzione universitaria.

Una strategia condivisa per le università

Se gli elementi chiave del futuro sviluppo sono la valorizzazione del capitale umano, la qualità dei prodotti, l'internazionalizzazione, siamo convinti che il futuro della regione molto si dovrà  basare su una forte collaborazione con il sistema universitario marchigiano. Per questo le Universita' Marchigiane devono essere considerate un sistema, valorizzandone e promuovendone al massimo le  eccellenze,  sempre nel rispetto delle peculiarita' e dell'autonomia dei singoli atenei. Un altro punto centrale sarà anche riuscire a mettere in collegamento la formazione tecnica dei vari istituti tecnici di eccellenza sparsi sul territorio regionale e il sistema delle imprese manifatturiere.

Una visione unitaria e di crescita del sistema universitario marchigiano impone una strategia condivisa, anzitutto nell’elaborazione di una proposta di offerta formativa diversificata e non speculare,come anche la condivisione di servizi tecnici ed amministrativi per ottimizzare le risorse ed abbattere i costi gestionali.

Oltre alla didattica ed alla ricerca, mission del mondo accademico, contribuiremo ad incentivarne le attivita' di internazionalizzazione e di terza missione, nel rapporto con gli enti territoriali e le imprese.

Una visione strategica simile pone il sistema universitario quale volano del rilancio dell'economia e dell'occupazione,come anche cardine della formazione culturale e civica delle giovani generazioni.

Le Marche del commercio

Risanare una rete distributiva regionale cresciuta in modo disordinato

Il Commercio deve rinascere nel segno dello sviluppo, della crescita e della creazione di un'efficiente rete distributiva, con il coinvolgimento di tutti i soggetti della filiera, segnando una netta inversione di tendenza rispetto alle derive di questi ultimi tempi che hanno visto, anche a causa della recessione e della contrazione dei consumi, chiusure continue di negozi e di pubblici esercizi. L'accentramento costiero ha creato un forte disequilibrio con i territori collinari e montani, depauperando della funzione commerciale interi ambiti sub provinciali. Tale disequilibrio va recuperato sia con interventi di contenimento della grande distribuzione sia con interventi di sostegno e valorizzazione della rete commerciale tradizionale.

L'obiettivo deve essere quello di far diventare la rete distributiva Italiana uno strumento per la vendita dei nostri prodotti come in Europa, dove il patto tra produzione e distribuzione è stato vincente sia internamente che all'estero.

Dobbiamo, inoltre, contrastare l'effetto desertificazione delle nostre città, che rischiano di diventare luoghi privi della necessaria sicurezza pubblica, di vivibilità e non più identificative della nostra storia, riconsegnando loro la funzione di attrazione turistica. Non si possono dimenticare gli effetti negativi dell'eccessiva liberalizzazione normativa e il proliferare della grande distribuzione che ha creato un evidente squilibrio tra le varie tipologie di vendita, con grave danno soprattutto al commercio di vicinato, e con il rischio di scomparsa dei negozi tradizionali. Per questo è necessario che nei parametri di valutazione delle aperture delle grandi strutture di vendita siano inseriti anche criteri rispetto alle 'conseguenze attese ' sia sulla permanenza dei negozi esistenti sia sulle attività presenti nei centri storici.

Un nuovo trend nelle iniziative di rilancio dell’economia marchigiana

Un' attenzione particolare andrà dedicata al commercio su aree pubbliche sia per la sua capillarità sia per la funzione calmierante che svolge nel contesto commerciale con una ricognizione delle aree destinate ed un piano di intervento per renderle sempre più funzionali ed integrate con le diverse realtà cittadine.

Per arrivare ad un equilibrio economico e di presenza imprenditoriale è indispensabile spingere le banche a tornare al ruolo originario di canale creditizio, aumentare la solidità delle imprese commerciali (punto di partenza per la progettazione di idee future) destinando importanti risorse a sostegno dei consorzi fidi, e continuare nell’attività di monitoraggio, attraverso l’Osservatorio regionale del commercio, che dia i giusti strumenti di valutazione per la definizione di una nuova programmazione urbanistica commerciale a garanzia delle imprese e dei cittadini. Una grande attenzione andrà posta sulla rete commerciale delle aree interne favorendo il pluralismo merceologico nelle piccolissime realtà e riconoscendo la rete dei negozi storici. Il futuro passa per la ricerca di strumenti di equilibrio sociale, di innovazione (attraverso nuovi format), di tutela dei nostri centri storici che sono il cuore della nostra economia commerciale. Un nuovo approccio andrà utilizzato sul tema scottante delle vendite straordinarie. Se si avrà il giusto coraggio, il nostro sistema distributivo potrà diventare il punto di forza della nostra economia valorizzando al massimo il 'made in Italy' nel mondo.

E- COMMERCE

L’e commerce “ sta avendo uno sviluppo notevole anche nella nostra regione.

Sarà dunque nostra intenzione attivare con determinazione la misura del nuovo Por 2014/2020 che ha previsto forme di agevolazione a favore di questa tipologia di vendita.

La legge regionale 27/2009 “Testo Unico in materia di Commercio” e il Regolamento attuativo in fase di approvazione, hanno individuato forme speciali di vendita al commercio “e comerce”: una tipologia di vendita  particolarmente semplificata: per  volgere l’attività, basterà una semplice Scia (Segnalazione certificato di inizio attività).

La Regione Marche sosterrà questo processo di sviluppo dell’ e-comerce mediante la realizzazione di un portale regionale a cui tutte le imprese commerciali che intendono svolgere questa tipologia di attività, potranno appoggiarsi e operare. Intendiamo inoltre assegnare un contributo a fondo perduto per tutte le attività avviate  da queste imprese commerciali. 

I VALORI SOCIALI E CIVILI

DA SOSTENERE 

Favoriamo una regione delle opportunità per tutti

Al centro del nostro programma la valorizzazione delle creatività e dei meriti 

Ogni azione della Regione, in ogni settore, deve essere volta a favorire lavoro e occupazione.

In un quadro di pesante crisi economica, ma anche in un processo di avvio della ripresa, si

dovrà agire per sostenere e rilanciare i settori potenzialmente più orientati a creare lavoro e sviluppo. In questo contesto, la politica della Regione dovrà essere fortemente rivolta alla crescita, ponendosi come soggetto coordinatore: fra imprese e parti sociali; fra pubblico e privato; fra mondo della scuola e della ricerca e realtà produttive. Iniziative mirate dovranno essere destinate a comparti strategici del nostro sviluppo locale: l'internazionalizzazione del manifatturiero e il suo dimensionamento; la declinazione di turismo, sport e cultura come elementi di insieme di una crescita armoniosa; la qualità ambientale come fattore di competitività del sistema Marche; l'accesso al credito e gli incubatori e acceleratori di impresa per un imprenditorialità giovane e rosa; una ridefinizione geografica e funzionale delle relazioni tra Formazione, Università e Istituti Tecnici Superiori.

Lo sfondo per queste politiche sarà la nostra idea di una “Regione delle opportunità per tutti” e della valorizzazione della creatività e delle attitudini(o per meglio dire dei talenti e dei meriti) di ognuno, avvalendosi dei mezzi, delle conoscenze e delle tecnologie di cui si dispone oggi.

 

Promuoviamo la parità di genere per un ruolo

crescente delle donne nel lavoro e nella società

 

Una parità di genere sostanziale, non formale, è la strada intrapresa dal Partito democratico nelle Marche, dove le donne, da sempre hanno ricoperto ruoli e funzioni fondamentali nell'economia, nelle istituzioni e nella società. Tale scelta, che ha rappresentato uno dei motori di una equilibrata e integrata crescita delle nostre comunità va ulteriormente sostenuta e potenziata, avendo a riferimento le criticità prodotte dalla perdurante crisi economica, che si è accanita con particolare crudezza sulla condizione delle lavoratrici e delle donne in genere.

Obiettivo di questa stagione sarà la ripresa di politiche regionali  verso la qualificazione e la diffusione dei servizi alla persona e una diffusa campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere che anche nelle Marche ha fatto registrare gravi e inquietanti fenomeni di imbarbarimento civile.

 

 

Sicurezza urbana,  nel lavoro e nella cittadinanza

attiva si fonda una convivenza ordinata e civile

 

Una società giusta è una società più sicura. Se c'è lavoro, i cittadini si sentono più sicuri; se c'è una scuola che sa promuovere la crescita culturale di tutti, la società è più sicura; se ci sono squilibri, disparità, disuguaglianze intollerabili cresce la rabbia, la ribellione, il disordine. Se c'è lotta alla grande criminalità, si toglie ossigeno alla microcriminalità diffusa.

La prevenzione è più efficace della repressione. Nell'immediato le misure di tipo autoritario

offrono maggiore visibilità a coloro che le intraprendono, ma non c'è prova che aumentino la sicurezza dei cittadini e, a lungo termine, comportano costi sociali ed economici elevati e mettono a repentaglio i diritti e le libertà. Le politiche di sicurezza devono essere fondate sui bisogni individuali e collettivi dei cittadini e non delle istituzioni. Serve un modello di cittadinanza attiva che preveda il coinvolgimento diretto dei cittadini, in primis dei giovani, nelle politiche di sicurezza, in particolare attraverso l'educazione alla legalità e la condivisione dei valori di giustizia e di democrazia.

Le città, che oggi sono i luoghi dove più alto è il senso di insicurezza, devono e possono diventare i luoghi dove è più facile costruire sicurezza. Le città europee, tanto più quelle marchigiane di media dimensione, si caratterizzano per l'esistenza di spazi pubblici condivisi da diversi gruppi di cittadini. E' qui che si può implementare la creazione di legami sociali portatori di sicurezza. La sicurezza non deve portare ad allontanare i cittadini gli uni dagli altri, ma piuttosto creare spazi condivisi in cui sia garantita la sicurezza di tutti. Ed è proprio attraverso una diffusione e qualificazione degli spazi delle relazioni sociali che si deve cercare di prevenire la più infame delle violenze: quella degli uomini sulle donne e l'omofobia. Le molestie, le aggressioni, fino all'assassinio verso donne ed omosessuali sono il portato di una disuguaglianza che caratterizza i rapporti fra i sessi. La promozione dei diritti delle donne, dell'uguaglianza tra i generi, dell'incontro e confronto fra le persone di ogni tendenza sessuale per promuovere l'idea della libertà di scelta, del rispetto reciproco per questa libertà, come fondamenti delle relazioni fra i sessi, diventa il terreno per promuovere la sicurezza in questo campo.

 

Un laboratorio Marche per le nuove politiche per la famiglia

 

Il tema della famiglia nelle politiche pubbliche in Italia ha subito un fortissimo dibattito sul piano ideologico, ma accompagnato da un terribile vuoto progettuale.

Quel poco che è stato promosso, il più delle volte, è stato usato come prolungamento dello

scontro dialettico: bonus bebè, nidi famigliari, assegni per la non autosufficienza, e poco più.

Nelle Marche potremmo aprire un laboratorio che liberi da sterile ideologia il confronto, riconosca il valore profondo e sociale della più antica “istituzione” e su una analisi di bisogni diffusa sul territorio, faccia della sperimentazione  su progetti concreti a favore della famiglia. Dopo aver approfondito l’uso di percorsi più conosciuti come revisione Isee per famiglie numerose, progetti di conciliazione dei tempi di vita e lavoro, Carta bimbi, Carta famiglia, percorsi di sostegno alla genitorialità, mediazione famigliare, promozione affido famigliare, è tempo di dare spazio a nuovi orizzonti. 

Una regione a misura di famiglia  

 La famiglia oggi  va  dunque rilanciata nella società e nei confronti delle istituzioni a tutti i livelli, in vista di una legislazione che la consideri soggetto e non piu’ oggetto delle politiche di riferimento.

Servono dunque  politiche famigliari esplicite, relazionali, distintive, organiche, non soltanto di tutela ma anche di promozione.

E’ necessario che la Regione lavori ad un Piano integrato delle politiche famigliari, superando la logica dell’emergenza e frammentazione della legislazione vigente.  Va  sviluppata una vera sussidiarietà per sostenere le famiglie e non sostituirle col semplice assistenzialismo, rafforzando le reti associative come luoghi di confronto e di scambio.

Conciliare i tempi di vita delle famiglie  

Non è più possibile ragionare soltanto sulle buone prassi. Occorre lavorare sistematicamente sui tempi di vita delle famiglie, sull’organizzazione delle città, su una maggiore adattabilità dei modelli aziendali, sulla contrattazione decentrata e territoriale, sulla flessibilità del mercato del lavoro intesa in senso positivo, sui servizi pubblici per la famiglia, sull’integrazione tra pubblico e privato.

Educare alla “genitorialità

Il dato per cui genitori non si nasce ma si diventa è oramai acquisito, ma è comunque importante accompagnare il ruolo genitoriale nelle varie fasi di età del bambino, dalla nascita all’adolescenza.

E’ necessario istituzionalizzare percorsi di educazione all’affettività e alla genitorialità, strutturando in parallelo percorsi formativi sul tema dell’accoglienza, dell’affido e dell’adozione.

Una fiscalita' ispirata al quoziente familiare

Il sistema fiscale italiano non tiene sufficientemente conto della forte incidenza del costo dei figli sul reddito delle famiglie. E’ necessario lavorare  verso una finalità equitativa.Introdurre una fiscalità a misura di famiglia ispirata a modelli di quoziente famigliare o fattore famiglia in modo da calcolare l’imposta sul reddito in funzione delle persone fiscalmente a carico, non tassando il reddito unitario percepito quanto il reddito effettivamente disponibile. A questo proposito alcuni enti locali delle Marche hanno già sperimentato modelli d quoziente familiare.Vanno salvate le buone prassi contenute nelle esperienze marchigiane e ogni municipalità dovrebbe costruire il proprio progetto, ,attraverso un metodo di coprogettazione con i soggetti attivi della comunità e il terzo settore, utilizzando come punto di partenza le positività contenute nel modello esistente.

Valorizziamo il tessuto sociale di una comunità coesa e solidale 

La storia delle Marche è storia di coesione. I territori, i paesi, i comuni medio/piccoli, per secoli sono stati vissuti come comunità reali di storia, tradizioni, relazioni umane e civili, condivisione di destini, aiuto reciproco. Comunità che non conoscevano l'indifferenza, in cui nelle difficoltà nessuno veniva lasciato solo. La diffusa presenza di strutture comunitarie supportava le comunità: i 120 teatri sparsi in ogni comunità, le chiese e le parrocchie, i circoli cittadini, le confraternite, le società di mutuo soccorso. Il filo che teneva unita la tela erano le relazioni umane, la vicinanza fra le persone, il conoscersi tutti e il conoscere tutto di tutti. Una manifestazione indimenticabile di questo spirito comunitario si ebbe durante la seconda guerra mondiale quando le comunità marchigiane fecero sforzi encomiabili per sottrarre gli ebrei alla deportazione nazista, ospitandoli e nascondendoli spesso nelle case private. Anche nel processo di profonda trasformazione del secondo dopoguerra questa dimensione comunitaria ha retto. Le famiglie e le piccole e medie imprese sono state il perno della evoluzione di queste relazioni. Le famiglie spesso hanno tenuto insieme il lavoro nelle campagne e quello nelle fabbriche; nei laboratori artigiani e nelle piccole e medie imprese i rapporti fra datori di lavoro e lavoratori dipendenti sono stati improntati a comprensione delle esigenze reciproche e anche all'aiuto nei momenti di difficoltà. Oggi si aggiunge un vasto tessuto di servizi sociali, di iniziativa pubblica, e di forme di volontariato, oltre alle politiche per l'integrazione interculturale.

IMMIGRAZIONE, SERVONO NUOVE POLITICHE DI INTEGRAZIONE

E NUOVI MODELLI DI INCLUSIONE

Un laboratorio avanzato per una comunità interculturale

La presenza degli immigrati nelle Marche cosi come nel resto d’Italia cresce e continuerà a farlo in futuro.

Se si considera la natura strutturale e non transitoria di questo fenomeno diventa necessario impegnarsi nella costruzione di una società multiculturale, basata sui valori di uguaglianza e solidarietà. La Regione, gli enti locali, in rapporto con le forze sociali, debbono essere capaci di supportare e alimentare questo disegno.

Servono infatti politiche di governo capaci di dare solide garanzie in tema di parità di trattamento e di promuovere percorsi inclusivi tra nuovi e vecchi residenti al fine anche di prevenire conflitti sociali che inevitabilmente nascono dalle condizioni di emarginazione.

Fondamentale diventa quindi favorire la fruibilità e l’accessibilità da parte dei cittadini migranti ai servizi socio-sanitari e al welfare locale, intesa come una progressiva riduzione del divario esistente tra cittadini italiani e stranieri nell’accesso a diritti costituzionalmente riconosciuti a tutti.

Non si può raggiungere un soddisfacente livello di inclusione sociale delle persone migranti se non si attua una pluralità di interventi.

In primo luogo è necessario offrire una scuola di qualità per tutti quale strumento primario di coesione sociale che contrasti la dispersione scolastica e assolva il diritto-dovere all’istruzione affinché gli studenti stranieri non si sentano esclusi e siano adeguatamente preparati per fare il loro ingresso nel mondo del lavoro. 

Sul versante socio-sanitario punto cruciali diventano la mediazione linguistico-culturale, le campagne di informazione e prevenzione e gli sportelli informativi.

L’impegno della Regione è rivolto quindi al miglioramento e al potenziamento delle iniziative, già attivate e presenti sul territorio regionale, tese a promuovere la diffusione delle informazioni e la conoscenza delle politiche dell'immigrazione e del lavoro a partire dagli "Sportelli informativi per cittadini stranieri”.

Particolarmente importante è la competenza culturale degli operatori che lavorano nell’ambito dei servizi pubblici essenziali e del personale della pubblica amministrazione che sono quotidianamente a contatto con i migranti. C’è bisogno di offrire al personale  ogni possibilità di aggiornamento continuo in merito alle tematiche transculturali. Fondamentale diventa accrescere la capacità culturale dei servizi di adeguare le risposte ad una popolazione sempre più diversificata, attuare una formazione diretta alla comprensione del fenomeno migratorio volta alla tutela dei diritti dei migranti e a prevenire fenomeni di discriminazione.

Risulta inoltre necessario implementare e potenziare strumenti di analisi epidemiologica della domanda di salute della popolazione immigrata ai fini di individuare le priorità di intervento e lo sviluppo di strumenti più elaborati di sorveglianza epidemiologica.

Le Marche possono dunque essere un laboratorio avanzato per la nuova dimensione della coesione , innestando queste sfide sul tessuto storico di comunità coese e solidali. 

Share

VIDEO

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter !

Cercami su:

Client Section