Domenica, Maggio 29, 2016

"Programma di Luca Ceriscioli, candidato alle primarie per la presidenza della regione"

Sono nato a Pesaro il 15 marzo 1966, dove sono cresciuto. Sono un professore di matematica e attualmente insegno all’Istituto Tecnico Industriale di Urbino.

Sono sposato e padre di due figli.

Mi sono laureato in matematica nel 1990 e dal 1991 al 2000 ho insegnato in diversi istituti superiori.

La politica è sempre stata per me una grande passione. Ho iniziato ad interessarmi sin da ragazzo militando nel partito Democratici di Sinistra e diventando segretario comunale a Pesaro. La mia esperienza amministrativa inizia una ventina di anni fa come presidente della mia circoscrizione per poi essere nominato assessore ai lavori pubblici del municipio di Pesaro.

Dal 2004 al 2014 sono stato sindaco di Pesaro. Alla fine del mandato la classifica del Sole 24Ore, sul consenso ai sindaci, mi vedeva ai primi posti nel gradimento tra tutti gli amministratori del territorio nazionale.

Nei dieci anni di sindaco sono stato presidente di diversi enti culturali come il Rossini Opera Festival, la mostra del nuovo cinema e PesaroStudi che è l’associazione per la promozione e lo sviluppo degli studi superiori e universitari.

La politica per me è quella a contatto con i cittadini, per ascoltarne interpretarne le esigenze con scelte di buon governo. Il mio obiettivo è stato quello di rendere Pesaro una città a “misura d’uomo” e di bambino, un comune “sostenibile” con 80 km di piste ciclabili e che punta a fornire servizi per le famiglie e ai più deboli. Infine, al termine dei miei dieci anni l’amministrazione è per due aspetti virtuosa: è stata una delle poche in Italia a spendere tutti i fondi europei a disposizione e, in un periodo in cui le casse dei comuni sono spesso vuote, ho lasciato in eredità al mio successore un tesoretto di 16 milioni di euro.

 

TRASPARENZA

La parola d’ordine per migliorare l’accessibilità di cittadini e imprese alle opportunità che offre la Regione, con il solo scopo di semplificare la vita e rendere facilmente interpretabili le leggi. Determinante sarà il contributo di sindaci e amministratori che poi sono quelli che ogni giorno si trovano a dover applicare le norme per il bene delle proprie comunità.

SOBRIETÀ

L’ente regionale deve recuperare questo valore. La compostezza e l’essenzialità sono dimensioni naturali per un sindaco e sono doti che porterò come sindaco delle Marche.

Abbiamo un patrimonio storico artistico straordinario. Occorre pianificazione e strategia perché la cultura e la bellezza del territorio saranno centrali per lo sviluppo della regione. Fino ad ora non è stato realizzato nessun progetto serio che restituisca a questo tesoro la capacità di produrre e crescere.

CAMBIAMENTO

Le prossime elezioni regionali rappresentano per i marchigiani un’opportunità importante per mettere in campo nuovi progetti e idee per affrontare una fase di mutamenti istituzionali economici e sociali molto profondi. Per affrontare questa fase deve esserci una nuova classe dirigente che prenda le redini del futuro e lo costruisca. Con coraggio. Per cambiare un sistema nel profondo occorre avere le mani libere per imporre un nuovo modo di governare. Ma per arrivare a questo serve la libertà del cambiamento, non avere interessi e incrostazioni che sono naturali quando un esponente politico ricopre un ruolo nello stesso ente per più anni.

PARTECIPAZIONE

Sarà una rivoluzione copernicana nel modo di governare. Coinvolgimento nelle decisioni partendo dai sindaci, dalle associazioni di categoria e dai cittadini stessi. Con la partecipazione si affinano le scelte e si fa prevalere l’interesse generale e il bene comune. Occorre definirne e regolamentarne le modalità con l’utilizzo delle nuove tecnologie che abbiamo a disposizione. Partecipazione non significa allungamento dei tempi, ma riqualificazione del processo normativo.

LA REGIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO

Occorre una ristrutturazione della macchina organizzativa dell’ente. Una struttura che deve essere al servizio di un progetto e che deve essere orientata a degli obiettivi. Leggi semplici ed efficaci perché l’ente non deve gestire risorse, ma fare buoni provvedimenti rivolti alle priorità che insieme sceglieremo. Norme che dovranno trovare strumenti utili a chi vuole fare impresa, a chi vuole sviluppare un progetto di innovazione o semplicemente andare incontro ai cittadini che richiedono un servizio.

PIANIFICAZIONE STRATEGICA

L’ente regionale deve lavorare individuando delle priorità, concentrando risorse e personale per raggiungere gli obiettivi che si prefigge. Infrastrutture, occupazione, completamento della banda larga, welfare e messa in sicurezza del territorio. Su questi punti si concentreranno i 2000 milioni di fondi che arriveranno dall’Europa e che se riusciremo a fare sistema, coniugando investimenti e strategia, riusciremo a metterli al servizio del cambiamento, del rilancio del nostro territorio e del raggiungimento di traguardi importanti.

SANITÀ

Concertazione con i sindaci per i presidi sanitari e per l’utilizzo delle risorse. Obiettivo principale ridurre i tempi d’attesa per esami e ai pronto soccorso, riduzione mobilità passiva, con conseguente creazione posti di lavoro, qualificazione dei servizi, al posto di un risparmio di spesa di carattere puramente ragionieristico.

LAVORO

Le Marche sono una delle regioni più colpite dalla crisi economica. La disoccupazione ha toccato livelli allarmanti, soprattutto quella giovanile. La pianificazione, gli investimenti, le normative per promuovere le nuove tecnologie, la messa a sistema di tutte le peculiarità e le unicità dei nostri territori saranno punti a cui dare massima priorità per rimettere in piedi il sistema produttivo marchigiano.

DIRITTO ALLO STUDIO

Una comunità non può crescere senza la scuola, la formazione e l’educazione. L’Università, la ricerca e il sapere sono il motore per le Marche che vogliamo essere. Più fondi alle università e no ai tagli ai sussidi: a tutti la possibilità completare la formazione.

Puoi approfondire il programma sul sito www.lucaceriscioli.it    twitter.com/ceriscioliluca    facebook.com/lucacerisciolipresidente

Per aderire al comitato provinciale per Luca Ceriscioli:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Qui le slide del programma di Luca Ceriscioli.

Share

VIDEO

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter !

Cercami su:

Client Section